OBAMA AL SALONE DI DETROIT: “L’AMERICA HA L’ECONOMIA PIU’ FORTE DEL MONDO!” Il presidente americano ha visitato per la prima volta da quando è alla Casa Bianca il North American International Auto Show – come viene chiamato il salone di Detroit nei Paesi anglosassoni - sfoderando grande ottimismo

383
OBAMA

“L’America ha l’economia più forte al mondo!”. lo ha affermato a gran voce il presidente Usa Barack Obama in visita al salone dell’auto di Detroit, l’annuale meeting per produttori e acquirenti nato nel 1907 nella grande città statunitense del Michigan. Il primo inquilino afroamericano dello Studio Ovale ha anche sottolineato che l’economia Usa è del 10% più forte di prima della crisi, mentre quella europea deve ancora tornare ai livelli pre-crisi.

Obama, dal principale centro di produzione meccanica degli States, ha elogiato soprattutto l’industria dell’auto: “Sono orgoglioso della strada fatta dal 2009: il settore è tornato”. “Qui possiamo vedere quanta strada abbiamo percorso – ha detto ai 400 lavoratori del settore in un centro gestito dalla General Motors e dal sindacato -. Non dobbiamo essere soddisfatti ma da questo l’America può trarre fiducia”.

Il presidente americano ha visitato per la prima volta da quando è alla Casa Bianca il North American International Auto Show – come viene chiamato il salone di Detroit nei Paesi anglosassoni – sfoderando grande ottimismo. L’auto è una delle scommesse a tutt’oggi vinte dalla ripresa: un settore tornato in auge con l’aiuto delle politiche del governo che hanno creato 640mila posti di lavoro e di vendite record. Il presidente ha anche sottolineato come in molti allora avevano suggerito di non salvare il settore. “Oggi General Motors e Chrysler non esisterebbero senza il salvataggio” ha assicurato, che era “impopolare, anche a Detroit”.

Non a caso Obama si è fermato su due dei modelli simbolo della rinascita americana: prima allo stand della Chevrolet dove ha ammirato la Bolt, la full electric che dovrebbe stravolgere il settore con un autonomia di oltre 300 chilometri solo in elettrico. E poi a quello della Fiat Chrysler Automobiles (FCA) dove si è accomodato nella nuova Chrysler Pacifica sottolineando come “sia facile salire e scendere” e che “è bello guidare un minivan”. FCA Us – il settimo gruppo automobilistico mondiale – ha immatricolato 2,243 milioni di vetture nel 2015 (+13% a dicembre, il migliore di sempre) divenendo così il simbolo della rinascita delle auto Made in Usa.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS