COPPA ITALIA, LICHTSTEINER TRASCINA LA JUVENTUS IN SEMIFINALE Battuta la Lazio all'Olimpico; ora in semifinale c'è l'Inter di Mancini

420
juventus

La legge dell’ex esiste: un gol di Lichtsteiner spinge la Juventus nelle semifinali di Coppa Italia ed elimina dalla competizione la Lazio. Un’altra sconfitta per Pioli contro i bianconeri: sesta su sei gare. Match deciso al 21’ della ripresa con i biancocelesti all’inseguimento sino alla fine, ma anche con i bianconeri molto vicini al raddoppio in più occasioni. Successo pi che meritato per la formazione di Allegri che anche all’Olimpico, davanti a oltre 30 mila spettatori, e nonostante la pioggia battente, ha dimostrato di essere in forma e pronta a tutto pur di raggiungere il triplete.

Con i biancocelesti Pioli lancia Bisevac, il centrale serbo. A centro campo rientra da titolare Lulic. In attacco, Klose dall’inizio dopo oltre un mese. Nella Juventus Allegri opta per un ampio turnover. Rispetto alla formazione di Udine, confermati Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner, Marchisio e Alex Sandro. Tra i pali Neto. In difesa Caceres; a metà campo Pogba e Sturaro; davanti la coppia Morata-Zaza. Il primo vero slancio offensivo è della Lazio. Al 13’ un bel lancio di Milinkovic sulla sinistra per Keita, che avanza in area e poi conclude troppo alto. Due minuti dopo la risposta Juve: la palla sorvola la traversa grazie al colpo di testa di Pogba. Al 26’ Zaza si fa largo, ma viene fermato da Berisha. Un minuto dopo il portiere laziale si oppone a una botta dalla distanza di Pogba. La Lazio è pronta a ripartire,  ma la cerniera della Juve in mediana frena l’avvio della manovra biancoceleste. Sul finire della prima frazione di gioco, la squadra di Pioli cerca di forzare i ritmi in avanti dove Keita è molto vivace.

Nessun cambio dopo l’intervallo. La formazione di Allegri cerca maggiore profondità nel gioco. Il clima si risclada dopo un intervento di Chiellini su Berisha. Al 15’ Pioli inserisce Hoedt al posto dell’infortunato Mauricio. Al 21’ passa la Juventus: sul palo colpito da Zaza, sopraggiunge Lichtsteiner: il tiro dell’ex viene respinto da Berisha quando però il pallone ha già oltrepassato la linea. Tre minuti, sfiorato il raddoppio con Sturaro. Pioli reagisce e fa entrare Felipe Anderson al posto del difensore Konko. Allegri innesta Mandzukic per sostituire Morata. Al 31’ ancora Zaza: tiro fuori bersaglio. Entra un altro ex, Matri, (Klose si infortuna) per alimentare le speranze della Lazio. Ma le disgrazie biancocelesti non sono finite: si fa male Biglia in uno scontro con Cuadrado ed esce in barella: Lazio in dieci. Ci crede la Lazio sino all’ultimo istante dei cinque minuti di recupero ma la Juventus è insuperabile e festeggia un’altra grande serata tra qualche scintilla al fischio finale con Zaza verso i laziali: ammonito, l’attaccante ex Sassuolo salterà la semifinale di andata contro l’Inter.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS