CONFRONTO ITALIA-UE, MOSCOVICI: “NON STIAMO AGENDO CONTRO ROMA” Il commissario per gli Affari Esteri: "Non c'è nessuna guerra con il Bel Paese. Ma devono ridurre il debito"

369
pierre moscovici

Prosegue il duello a distanza tra Italia e Unione Europea. L’ultimo a prendere la parola è stato il commissario Ue per gli Affari Esteri, Pierre Moscovic. “La Commissione Europea non può essere accusata di agire contro l’Italia, questo è assolutamente sbagliato” ha detto a margine del Forum a Davos, aggiungendo di avere massimo rispetto per un Paese fondatore come l’Italia e per lo sforzo riformista di Renzi. “Non c’è nessuna guerra” con l’Italia, “ora occorre abbassare la tensione e lavorare insieme con grande oggettività”, ha aggiunto.

E’ chiaro, ha spiegato, “che l’Italia debba ora muoversi per ridurre il debito. Sta facendo le riforme ed è una cosa positiva. Sta riducendo il deficit, può anche usare la flessibilità. Ma è necessario che anche in Italia il rapporto debito-Pil diminuisca”. Moscovici ha poi sottolineato che nessun altro Paese beneficia “di tutta la flessibilità prevista dal Patto di Stabilità”.

Intanto Roma ha scelto il suo nuovo rappresentante a Bruxelles. Si tratta del vice ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, che prenderà il posto posto dell’ambasciatore Stefano Sannino. La nomina verrà formalizzata oggi in Consiglio dei ministri.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS