MOLESTIE A CAPODANNO, ARRESTATO UN ALGERINO DI 26 ANNI Si tratta del primo sospettato per il "caso Colonia" a essere catturato dall'inizio delle indagini

452
polizia tedesca

Arriva il primo arresto nell’ambito delle indagini per le violenze sessuali della notte di Capodanno a Colonia. Si tratta di un algerino di 26 anni, ora in custodia cautelare in carcere. L’uomo è accusato di aver aggredito sessualmente una donna e di averle rubato il telefonino cellulare, secondo quanto ha spiegato il procuratore di Colonia, Ulrich Bremer. L’indagato è stato arrestato sabato scorso in un centro di accoglienza per rifugiati di Kerpen insieme a un altro cittadino algerino di 22 anni, anche lui in custodia cautelare.

Durante la perquisizione, gli agenti hanno trovato due telefonini legati alle violenze di Capodanno, uno dei quali fu rubato durante un’aggressione sessuale. Il secondo cellulare fu rubato a un’altra donna senza violenza, ha precisato la procura. Si tratta del primo sospettato dei fatti di Colonia ad essere arrestato per aggressione sessuale, dopo il fermo di venerdì scorso di un ragazzo di 25 anni accusato di furto di un telefono cellulare. La Procura di Colonia ha fatto sapere di stare indagando su 21 sospetti, di cui otto si trovano in custodia cautelare, con l’accusa di furto.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS