FAMILY DAY, IL CARD. BAGNASCO: “INIZIATIVA CONDIVISIBILE” Il presidente della Cei ha definito il ddl Cirinnà "una distrazione grave e irresponsabile"

434
bagnasco

La manifestazione prevista il 30 gennaio a Roma “è un’iniziativa dei laici, con la loro responsabilità, come il Concilio Vaticano II ricorda” ed è “condivisibile”. Lo ha affermato il cardinale Angelo Bagnasco al termine della messa per la giornata dei migranti e dei rifugiati che si è svolta ieri nella cattedrale di San Lorenzo.

L’obiettivo della manifestazione, ha precisato il porporato, “è decisamente buono perché la famiglia è il fondamento di tutta la società” dal momento che “la famiglia non può essere uguagliata da nessun’altra istituzione o situazione”.

“La difesa della famiglia, la promozione della famiglia e l’invocazione di sostegni reali, che fino ad adesso sembra che non ci siano, dovrebbe essere voce unitaria di tutto il Paese, di tutte le famiglie italiane, anche in modo diversificat0, ma l’obiettivo è assolutamente necessario perché le politiche familiari sono piccolissime”, ha aggiunto il porporato.

Quanto al ddl Cirinnà sulle unioni civili secondo il presidente della Cei si tratta di “una distrazione grave e irresponsabile”. “Noi – ha proseguito – vediamo nelle nostre parrocchie una grandissima coda di disoccupati, inoccupati, di gente disperata che non sa come portare avanti, giorno per giorno, la propria famiglia. Di fronte a questa situazione – ha concluso – tanto accanimento su determinati punti che impegnano il governo e lo mettono in continua fibrillazione mi pare che sia una distrazione grave e irresponsabile”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS