TENNIS, SCANDALO SCOMMESSE: TRUCCATE LE PARTITE DI WIMBLEDON Sono coinvolti 16 campioni tra i primi 50 giocatori del mondo, scommettitori in Russia e Italia

379
Trema il mondo del tennis. Secondo quanto riferisce la Bbc, negli ultimi 10 anni, ben 16 giocatori, classificati nelle prime 50 posizioni della classifica Atp, sono stati segnalati alle autorità competenti con il sospetto di aver modificato l’esito di alcune partite. Tutti questi atleti, tra cui ci sono anche i vincitori di Slam, hanno avuto l’autorizzazione di continuare a giocare. La Tennis Integrity Unit, organismo deputato a verificare e controllare la regolarità delle partite, ha sempre dichiarato “tolleranza zero” agli aggiustamenti dei risultati legati alle scommesse.
I documenti segreti, di cui è in possesso la Bbc e Buzzfeed News, includono i risultati di un’indagine che è partita dal match giocato tra Nikolay Davydenko e Martin Vassallo Arguello nel 2007. I due giocatori sono stati assolti da ogni accusa, ma le ricerche degli investigatori sono poi andate avanti in modo più ampio, alla ricerca di collegamenti fra i giocatori e gli organizzatori di scommesse clandestine sul web. Sui fogli ottenuti dall’emittente inglese, si legge anche la presenza di cartelli di scommettitori in Russia, Italia del Nord e Sicilia che puntavano centinaia di migliaia di euro sulle partite che gli investigatori ritengono truccate.
C’è anche una lista di tennisti coinvolti, attualmente in attività, ma che il network ha preferito non rivelare perché non può accedere a numeri di telefono, conti in banca e pc. Da quell’indagine emerse poi che c’erano 10 giocatori che rappresentavano il fulcro delle scommesse. Dei match oggetto dell’indagine voluta dalla Atp, tre sono stati disputati a Wimbledon. Sarebbero 8 invece gli atleti sospettati di essere impegnati attualmente negli Australian Open. Le indagini proseguono.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS