2015 D’ORO PER IL VITTORIALE DEGLI ITALIANI, OLTRE 212 MILA VISITATORI Boom di accessi nel polo culturale del Bresciano. Nel 2016 via all'illuminazione notturna della struttura

389
vittoriale degli italiani

Il 2015 è stato l’anno d’oro del Vittoriale degli italiani, museo di Gardone di Rivieri che ha registrato oltre 212mila visitatori. Un consenso di pubblico che ha superato l’obiettivo prefissato dalla Fondazione e visto crescere, rispetto al 2014, del 10% i visitatori della Prioria e del 12% quelli del Parco. E per il 2016 tanti progetti tra cui, in collaborazione con Regione Lombardia e A2A, l’avvio dei lavori per l’illuminazione notturna del Vittoriale, la cui conclusione è prevista nel 2018 ma che già nell’estate 2016 potranno permettere visite serali alla Prioria, un esperimento già avviato nel 2015 con i Notturni d’Autore.

Tra i più importanti risultati dello scorso anno, anche la nascita di GardaMusei, l’associazione fra Comuni e Musei, con il Vittoriale capofila, che metterà a sistema un percorso turistico-culturale che valorizzerà sempre di piu’ l’area del Garda. Proprio in questi giorni si sono aggiunti il Museo del Divino Infante di Gardone Riviera e il Comune di Desenzano con il Museo Archeologico Rambotti.

“I successi del Vittoriale, il suo legame con il MuSa e la nascita di GardaMusei, associazione destinata a crescere e ampliarsi, sono la prova che i Beni culturali possono davvero diventare un motore di sviluppo economico, oltre che turistico e culturale” ha sottolineato il presidente della Fondazione Giordano Bruno Guerri, artefice di questa nuova rete culturale. Nel 2015 da segnalare anche: i 3000 fogli autografi e inediti di d’Annunzio ricevuti in dono da Martino Zanetti, la concessione in comodato da parte dello scultore Ugo Riva della preziosa opera “La Testimone della memoria”, posta all’interno della Nicchia dell’Enigma.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS