LA FONDAZIONE MIGRANTES PRESENTA LA “FESTA DELL’ACCOGLIENZA”

481

La Fondazione Migrantes ha presentato le diverse iniziative che si svolgeranno in 27 mila parrocchie italiane, oggi, 17 gennaio 2017, per la 102ma Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. L’obiettivo è di dare un messaggio d’amore alle migliaia di vite che si sono spente nel “viaggio della speranza” attraverso il Mediterraneo, come risposta all’aumento crescente dei pregiudizi nei confronti degli stranieri in italia e in europa. “L’evento – viene spiegato in una nota degli organizzatori – rappresenterà una festa dell’incontro e dell’accoglienza, dedicata al rispetto delle differenze e alla solidarietà nei confronti del nostro prossimo, straniero, immigrato e rifugiato che sia. : le celebrazioni principali avranno luogo nel Lazio, regione capofila del centro Italia per numero di immigrati ed emigranti”.

Nella capitale, circa 5000 profughi provenienti da più di 30 Paesi partecipano all’Angelus di Papa Francesco, per poi varcare la Porta Santa per la Celebrazione eucaristica nella Basilica vaticana, alla presenza del cardinale Antonio Maria Vegliò, presidente del Pontificio Consiglio per i Migranti ed Itineranti.

Si fatica ad aprire frontiere e cuori, ma anche a fare leggi giuste, come abolire il reato discriminatorio di immigrazione clandestina”, ha commentato Giancarlo Perego, direttore della Fondazione Migrantes, che ha organizzato la giornata.

“Diamo il benvenuto a questa importante giornata di solidarietà aperta a tutti, musulmani, cristiani, ebrei ed atei”, ha commentato Foad Aodi, presidente delle Comunità del mondo arabo in italia (Co-Mai) e focal point per l’integrazione presso l’agenzia dell’Onu Unaoc. “Siamo tutti figli di una stessa umanità, e forti di questa consapevolezza dobbiamo accogliere l’accoglienza. Le Co-Mai ribadiscono senza indugila necessità della depenalizzazione del reato di clandestinità: un primo grande passo per favorire nuove politiche di integrazione”.

Maria Amata Garito, rettore dell’Università Telematica Uninettuno, impegnata da anni in progetti di cooperazione, didattica a distanza con istituzioni e università dei paesi del mondo arabo e dell’area euro-mediterranea, ha affermato: “Stiamo lavorando in collaborazione con le Co-Mai per creare mediante il progetto congiunto ‘istruzione senza confini’ uno sportello informativo che ha l’obiettivo di attivare il riconoscimento dei titoli di studio e delle competenze di immigrati e rifugiati. Lavorando insieme – ha concluso il rettore di Uninettuno – possiamo trovare strade che ci aiutano ad identificare nuove forme di collaborazione che consentono facilmente di considerare la diversità come ricchezza dell’umanità”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.