MESSA DI SANTA MARTA, BERGOGLIO: “LA FEDE E’ UN DONO, NON SI PUO’ COMPRARE” Commentando il Vangelo di Marco sul paralitico guarito il Papa ha invitato a guardare a Gesù che perdona i nostri peccati

441
  • English

Quando ci avviciniamo a Cristo lo facciamo senza pensare ai rischi che possiamo correre pur di ascoltarlo o sfiorarlo. Questo in sintesi il messaggio che il Papa ha inviato nell’Omelia della messa mattutina a Santa Marta. Nel passo del Vangelo di Marco che narra la guarigione del paralitico a Cafarnao tanta gente voleva assistere alla predicazione di Gesù.  “Avevano fede – ha spiegato Bergoglio – la stessa fede di quella signora che anche, in mezzo alla folla, quando Gesù andava a casa di Giairo, si è arrangiata per toccare il lembo della veste di Gesù, del manto di Gesù, per essere guarita”. La stessa del centurione per la guarigione del suo servo. “La fede forte, coraggiosa, che va avanti – ha detto sottolineato – il cuore aperto alla fede”.

Nella storia tratta dal Vangeloco “Gesù fa un passo avanti”. A Nazareth, all’inizio del suo ministero, “era andato in Sinagoga e aveva detto che era stato inviato per liberare gli oppressi, i carcerati, dare la vista ai ciechi … inaugurare un anno di grazia”, cioè un anno “di perdono, di avvicinamento al Signore. Inaugurare una strada verso Dio”. Qui però non solo guarisce i malati ma li redime. “C’erano lì quelli che avevano il cuore chiuso, ma accettavano – fino a un certo punto – che Gesù fosse un guaritore. Ma perdonare i peccati è forte! Quest’uomo fa oltre! Non ha diritto a dire questo, perché soltanto Dio può perdonare i peccati e Gesù conosceva cosa pensavano loro e dice: ‘Io sono Dio’? No, non lo dice. ‘Perché pensate queste cose? Perché sapete che il Figlio dell’Uomo ha il potere – è il passo avanti! – di perdonare i peccati. Alzati, prendi e guarisci’. Incomincia a parlare quel linguaggio che a un certo punto scoraggerà la gente, alcuni discepoli che lo seguivano … Duro è questo linguaggio, quando parla di mangiare il suo Corpo come strada di salvezza”.

Il Pontefice ci invita a chiederci se la fede in Gesù cambia davvero la nostra vita. “Capiamo – ha affermato il Santo Padre – che Gesù viene a salvarci e portarci dal Padre. E’ stato inviato per quello, per dare la vita per la nostra salvezza. E questo è il punto più difficile da capire”, non solo dagli scribi. Quando il Signore si fa vedere con un potere più grande di quello di un uomo “per dare quel perdono, per dare la vita, per ricreare l’umanità, anche i suoi discepoli dubitano. E se ne vanno”. E Gesù, ha ricordato, “deve chiedere al suo piccolo gruppetto: ‘Anche voi volete andarvene?’”:

“La fede in Gesù Cristo. Come è la mia fede in Gesù Cristo? Credo che Gesù Cristo è Dio, è il Figlio di Dio? E questa fede mi cambia la vita? Fa che nel mio cuore si inauguri quest’anno di grazia, quest’anno di perdono, quest’anno di avvicinamento al Signore? – si è chiesto il Papa -. La fede è un dono. Nessuno ‘merita’ la fede. Nessuno la può comprare. E’ un dono. La ‘mia’ fede in Gesù Cristo, mi porta all’umiliazione? Non dico all’umiltà: all’umiliazione, al pentimento, alla preghiera che chiede: ‘Perdonami, Signore. Tu sei Dio. Tu ‘puoi’ perdonare i miei peccati”.

La prova della nostra fede, secondo Bergoglio, è la capacità di lodare Dio Il Signore, è stata l’invocazione del Papa, “ci faccia crescere nella fede”. La gente, ha constatato, “cercava Gesù per sentirlo” perché parlava “con autorità, non come parlano gli scribi”. Anche, ha aggiunto, lo seguiva perché guariva, “fa dei miracoli!”. Ma alla fine, “questa gente, dopo aver visto questo, se ne andò e tutti si meravigliarono e lodavano Dio”:
“La lode. La prova che io credo che Gesù Cristo è Dio nella mia vita, che è stato inviato a me per ‘perdonarmi’, è la lode: se io ho capacità di lodare Dio. Lodare il Signore. E’ gratuito, questo. La lode è gratuita. E’ un sentimento che dà lo Spirito Santo e ti porta a dire: ‘Tu sei l’unico Dio’. Che il Signore ci faccia crescere in questa fede in Gesù Cristo Dio, che ci perdona, ci offre l’anno di grazia e questa fede ci porta alla lode”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS