AFGHANISTAN, SPOSA BAMBINA SI IMPICCA PER SFUGGIRE AL MATRIMONIO La piccola aveva solo 10 anni e il suo corpo è stato trovato avvolto da un telo alla periferia della città dove abitava

520

Torna prepotentemente alla ribalta il dramma delle spose bambine, anche questa volta perché una bambina di dieci anni ha deciso di suicidarsi per non dover affrontare un matrimonio con un suo cugino. Il suo corpo – avvolto in un telo e abbandonato lungo la strada – è stato ritrovato alla periferia di Firozkoh, capoluogo nella provincia di Ghor, in Afghanistan. Secondo la sua famiglia, la bambina si sarebbe impiccata dopo essere rimasta sola in casa, in quanto la madre si era recata a far visita al marito detenuto in carcere.

La responsabile del dipartimento per gli affari femminili della provincia di Ghor, Masooma Anwari, ha chiesto che venga aperta un’inchiesta e ha denunciato come spesso gli omicidi di giovani donne e bambine vengano descritti come un suicidio per “salvare” gli assassini e, secondo la Anwari, non è da escludere che la bambina sia stata uccisa.

Ogni anno nel mondo 13,5 milioni di ragazze sono costrette a sposarsi prima dei 18 anni, secondo le stime del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (Unfpa). Spesso con uomini molto più grandi di loro. In Afghanistan il 57% delle donne intervistate nel 2004 per uno studio del ministero degli Affari femminili era stato dato in sposa prima dei 16 anni, alcune anche a soli nove anni. Più di dieci anni dopo, il fenomeno è ancora diffuso. La first lady afghana Rula Ghani, cristiana di origini libanesi, ha promesso di battersi per i diritti delle donne.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS