DON ORESTE BENZI: “LA FAMIGLIA NON CAMBIA”

465

La famiglia è risorsa perché trae la propria origine nel mistero di Dio. Per chi ha fede il “sì” sponsale è innanzitutto detto a Dio, che chiama i due a mettere insieme la vita, per una missione nel mondo che Egli affida a loro. Il fondamento della vita di coppia non è l’attrattiva dei sensi, la proiezione di se nei figli, ma è il “sì” alla partecipazione ad un disegno del quale i due sono parte. Il matrimonio, anche per chi non ha fede, ha un qualcosa di sacro e di mistero.

Anche e soprattutto per questo motivo il matrimonio è risorsa per l’uomo e per la società. Nella famiglia infatti la persona umana può essere aiutata a trovare quel “tutto” che incessantemente cerca: “L’anima ha sete del Dio vivente…” e trovatolo, cambiano d’importanza le cose e l’uomo, da “essere di difesa e attacco”, diventa finalmente se stesso, cioè uno che è in comunione universale.

La famiglia infine è risorsa perché non solo trasmette vita, ma educa ad amarla e influisce sull’evoluzione positiva della società; nei confronti di essa infatti aiuta:
– a fuggire con orrore dalla soppressione della vita con l’aborto volontario, con l’eutanasia, con l’assassinio;
– a prevenire i pericoli che la mettono a repentaglio;
– ad esigere dalla società il minimo vitale, con una più equa giustizia distributiva;
– a sviluppare tutta la prevenzione e la cura delle malattie;
– ad eliminare alla radice i grandi rifiuti della vita quali il suicidio o la droga, sviluppando la partecipazione sociale;
– a tenere in famiglia i figli e gli anziani, eliminando istituti e ricoveri.

La famiglia è speranza per tutta l’umanità: sono innumerevoli le famiglie che credono profondamente all’insostituibilità della funzione familiare. Oggi, nei giovani, c’è un significativo ritorno alla comunione familiare. Su cento giovani, settanta mettono al primo posto, nella graduatoria dei valori, la famiglia.

Tratto dalla rivista Sempre, febbraio 1991

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS