STUPRO DI GRUPPO A BROOKLYN, INCRIMINATI 4 ADOLESCENTI La polizia è alla ricerca di un quinto ragazzo che avrebbe partecipato agli abusi contro una 18enne

356

Tre adolescenti sono stati accusati formalmente di violenza sessuale di primo grado nei confronti di una 18enne di Brooklyn, a New York. Si tratta di Ethan Phillip, 15 anni, Denzel Murray, 14 anni, e Shaquille Cooper, 15 anni. Al momento non sono ancora state formalizzate le accuse per un quarto ragazzo, arrestato nella giornata di domenica, mentre la polizia è ancora in cerca di una quinta persona.

La violenza sulla 18enne si sarebbe verificata nella serata di giovedì, quando i ragazzi l’hanno sorpresa in un’area giochi insieme al padre. Secondo la testimonianza dell’uomo, i cinque aggressori in un primo momento avrebbero intimato al padre della giovane di allontanarsi, minacciandolo con una pistola, e poi avrebbero abusato della figlia. Molti dettagli, però, non sono chiari e la polizia sta cercando di comprendere come si siano svolti i fatti. Il padre ha raccontato di essere stato costretto ad allontanarsi e di essere tornato nell’area giochi insieme a due poliziotti dopo circa 20 minuti. Nel frattempo, i cinque adolescenti erano già scappati; almeno uno di loro avrebbe avuto rapporti sessuali con la ragazza.

In un’area piena di negozi e palazzi, non è chiaro come mai il padre non sia stato capace di ricevere aiuto più velocemente e come mai non abbia chiamato la polizia, aspettando di trovare invece una pattuglia in zona. Altro elemento da chiarire, la presenza di una pistola: la vittima non ha visto armi e i ragazzi hanno negato di averne avuta una. Secondo le notizie rivelate dalla polizia, l’uomo ha perso l’affidamento della figlia quando lei aveva due anni; la ragazza, cresciuta in un altro Stato, è stata adottata. “Sono tornati in contatto la scorsa estate” ha detto la polizia. L’uomo, secondo il racconto dei vicini, sarebbe un alcolizzato e vivrebbe in condizioni disagiate.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS