BIRMANIA, AUNG SAN SUU KYI APRE UNA CONFERENZA PER LA PACE CON I GRUPPI ETNICI Dei 15 principali gruppi ribelli invitati dal governo alla firma dell'accordo, per mettere fine a una serie di conflitti che in alcuni casi vanno avanti da oltre mezzo secolo, solo otto hanno accettato l'invito

363

Si è aperta oggi con un breve discorso di Aung san Suu Kyi una conferenza di pace alla quale partecipano centinaia di rappresentati dei principali gruppi etnici, del governo e dei partiti politici. L’evento è stato organizzato con il preciso scopo di consolidare le trattative di pace dopo il cessate il fuoco firmato lo scorso ottobre con otto gruppi ribelli.

Suu Kyi, leader della “Lega nazionale per la democrazia” (Nld) che ha trionfato alle elezioni dello scorso novembre, ha aperto l’evento ma non parteciperà al resto dei lavori. La scelta riflette quello che è stato l’atteggiamento della “Signora” verso le intere trattative di pace imbastite dall’attuale presidente Thein Sein, il cui mandato è in scadenza. Da marzo, sarà in carica un esecutivo sostenuto dall’Nld, anche se Suu Kyi non può diventare presidente perchè glielo impedisce la Costituzione, in quanto sposata con uno straniero.

Le aspettative per la conferenza apertasi oggi in realtà non sono alte. L’ostacolo è sempre lo stesso: mentre l’esercito birmano ha una mentalità tradizionalmente centralistica, le decine di gruppi etnici (che rappresentano circa un terzo della popolazione) chiedono più autonomia e in sostanza uno stato federale. In generale, il successo di Suu Kyi ha dato più fiducia alle minoranze etniche. Ma in concreto non è chiaro quale sia la visione del Nobel per la Pace – appartenente alla maggioranza birmana – sull’argomento. Dei 15 principali gruppi ribelli invitati dal governo alla firma dell’accordo, per mettere fine a una serie di conflitti che in alcuni casi vanno avanti da oltre mezzo secolo, solo otto hanno accettato l’invito. Negli ultimi tre mesi, l’esercito birmano ha iniziato un’offensiva contro alcuni dei gruppi rimasti fuori dall’intesa.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS