FORZIERE DELL’ISIS BOMBARDATO IN IRAQ, GLI USA: “DISTRUTTI MILIONI DI DOLLARI” Proseguono i raid contro target finanziari nelle mani del Daesh. Nell'attacco a Mosul sono morti almeno 5 civili

283
mosul

La coalizione anti Isis guidata dagli Usa ha distrutto un edificio forziere al centro di Mosul, capitale del Daesh in Iraq dopo la riconquista di Ramadi, distruggendo milioni di dollari di proprietà degli jihadisti. Si tratta di soldi provenienti da “petrolio, saccheggi ed estorsioni”, ha affermato una fonte anonima del Pentagono, custoditi in un covo colpito da una bomba di circa 900 chilogrammi. Le fonti Usa non hanno specificato la quantità di denaro presente nell’edificio colpito né il tipo di valuta.

L’attacco aereo ha causato la morte di cinque-sette civili, secondo i primi dati del comando Usa, che aveva messo in conto il rischio che rimanessero uccise sino a 50 civili. Lo riferisce la Cnn. L’obiettivo, selezionato dopo un lungo lavoro di intelligence, si trova infatti in una zona abitata. Il raid è stato sferrato all’alba, per ridurre i cosiddetti “effetti collaterali”. La coalizione anti Isis ha aumentato i target finanziari, come i convogli che trasportano il petrolio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS