COLONIA, MOLESTIE SESSUALI LA NOTTE DI SAN SILVESTRO: SCATTA LA CACCIA ALL’IMMIGRATO Durante le aggressioni sono rimasti feriti due pakistani e un siriano

439

Si tratta di attacchi pianificati e organizzati quelli che la notte di San Silvestro si sono verificati a Colonia. Così il ministro della giustizia tedesco, Heiko Mass, intervistato dalla Bild, ha definito le aggressioni subite da centinaia di donne la notte del 31 dicembre. Nel frattempo è spuntato un nuovo caso a Westfalia: almeno 500 uomini hanno forzato l’ingresso di una discoteca, l’Elephant Club, e avrebbero molestato molte donne.

Nel frattempo la polizia ha fatto sapere che a Colonia le denunce sono salite a 516 e che nel 40% dei casi si tratta di molestie sessuali. Ad Amburgo sono 133 le denunce per fatti analoghi, ma anche altre città sono state coinvolte in maniera minore tra le quali anche Dusseldorf, Francoforte e Berlino. Allo stadio attuale delle indagini, la maggior parte degli aggressori di Colonia risulta provenire dai Paesi del Nord Africa e risultano richiedenti asilo. La maggior parte degli aggressori proveniva a Colonia dai Paesi del Nord Africa e risultano richiedenti asilo.

Inoltre una violenta ondata xenofoba si sta abbattendo sul Paese. Un gruppo di pachistani è stato aggredito con estrema violenza da una ventina di uomini ieri nel tardo pomeriggio nel centro di Colonia, nei pressi della stazione. Due di loro sono stati feriti. Poco dopo un siriano di 39 anni è rimasto vittima di un’altra aggressione sempre nella stessa zona. Secondo informazioni del giornale di Colonia “Express” un gruppo di hoolingan si sarebbe dato appuntamento su Facebook nella città vecchia per “aprire la caccia all’uomo”. Si è trattato di due aggressioni separate: prima circa 20 persone hanno attaccato sei pakistani, ferendo due di loro; pochi minuti dopo un gruppo di cinque persone ha attaccato e ferito un uomo siriano.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS