PUTIN ALLA BILD: “CONTRO IL TERRORISMO E’ NECESSARIA UNA COALIZIONE MONDIALE” Il presidente russo nell'intervista ha analizzato le scelte nazionali e mondiali che hanno portato alla rottura dell'equilibrio del mondo

404

Le sanzioni inflitte dall’Unione Europea, gli errori di Mosca e la lotta contro il terrorismo. Sono solo alcuni dei punti che il presidente russo Vladimir Putin ha trattato in una lunga intervista concessa alla Bild. Il capo del Cremlino ha anche accusato ‘Occidente di esacerbare lo stesso terrorismo fomentando le crisi internazionali. “Siamo tutti alle prese con gli stessi problemi”, ha dichiarato Putin auspicando la pronta formazione di una coalizione mondiale per combattere gli estremisti e ricordando che tutti gli Stati sono alle prese “con gli stessi problemi”.

“Abbiamo sbagliato tutto: 25 anni fa cadde il muro di Berlino ma altri muri invisibili sono stati spostati nell’Europa dell’Est – ha aggiunto ancora il capo di Stato russo -. Non siamo riusciti a superare la divisione dell’Europa, questo ha portato a fraintendimenti reciproci e accuse. Ed è la causa di tutte le crisi”. Per ciò che riguarda la Russia, il principale “errore” secondo Putin è quello di “essere arrivati in ritardo”. Infatti, “se avessimo spiegato quali erano i nostri interessi nazionali più chiaramente fin dall’inizio il mondo sarebbe ancora in equilibrio – ha dichiarato il presidente russo alla Bild -. Dopo la caduta dell’Unione Sovietica avevamo molti problemi da affrontare per i quali possiamo incolpare solo noi stessi: la crisi economica, il collasso del welfare, il separatismo e gli attacchi terroristici che hanno sconquassato il Paese”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS