IL SANTO PADRE BATTEZZA 26 BAMBINI: “LA FEDE E’ L’EREDITA’ PIU’ GRANDE” Iniziati alla vita cristiana 13 maschietti e 13 femminucce. Francesco o Maria i nomi più gettonati

283

“La più grande eredità che potete lasciare ai vostri bambini è la fede!”. È l’augurio di Papa Francesco, fatto rigorosamente a braccio, ai genitori dei 26 neonati – 13 maschi e 13 femmine – presenti stamani sotto gli affreschi della Cappella Sistina per ricevere il sacro rito del battesimo. Una brevissima omelia è stata quella fatta da Bergoglio stamane durante la celebrazione eucaristica, completamente a braccio e rivolta direttamente ai genitori dei bimbi presenti. Il messaggio è stato incentrato sulla centralità della fede che i piccoli oggi si sono apprestati a ricevere con il rito battesimale: “vi auguro questo oggi, che è un giorno gioioso, che siate capaci di far crescere questi bambini nella fede e che è la più grande eredità che loro ricevano da voi sia proprio la fede”.

“Quaranta giorni dopo la nascita, Gesù è portato al tempio. Maria e Giuseppe lo portarono per presentarlo a Dio. Oggi – ha detto il Papa nella omelia – durante la festa del battesimo del Signore, voi portate i vostri figli per ricevere il battesimo. Per ricevere – ha proseguito – quello che avete chiesto all’inizio quando io vi ho fatto la prima domanda, la fede, ‘io voglio per mio figlio la fede’ e così la fede viene trasmessa da una generazione all’altra come una catena”. “Questi bambini, queste bambine, passati gli anni – ha commentato papa Francesco – occuperanno il vostro posto con un altro figlio, i vostri nipotini, e chiederanno lo stesso la fede, la fede che ci dà il battesimo, che porta lo Spirito Santo, oggi nel cuore, nell’anima, nella vita di questi figli vostri”.

“Voi – ha detto ancora papa Francesco – avete chiesto la fede, la Chiesa quando vi consegnerà la candela accesa vi dirà di custodire la fede in questi bambini, e alla fine non dimenticatevi che la più grande eredità che voi potrete dare ai vostri bambini è la fede, cercare che non venga persa, farla crescere e lasciarla come eredità. E quando un bambino piange perché ha fame, – ha concluso – alle mamme dico: se ha fame, dagli da mangiare qui, con tutta libertà”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS