VASI ROBOTICI E APP PER “GIARDINI CONNESSI”, E’ L’ERA DELLA BOTANICA 2.0 Parrot Pot curerà in automatico crescita e sviluppo della pianta. Tutto grazie a una connessione Bluetooth

486
parrot pot

Arriva il vaso robotico che misura e analizza i parametri fondamentali per la crescita e il benessere delle piante. Si chiama Parrot Pot e si occupa di tutto: annaffia la pianta quando necessario e avverte quando serve più luce. Connesso via Bluetooth Smart a smartphone e tablet, il vaso hi-tech permette infatti di visualizzare e intervenire sulla pianta connessa attraverso Flower Power 2.0, un’applicazione dedicata interamente riprogettata con una library di oltre 8.000 piante. Parrot Pot fa parte delle novità del 2016 presentate dall’azienda francese Parrot in occasione del Consumer Electronics Show di Las Vegas. Si tratta di un vaso robotico wireless per uso interno ed esterno, progettato per resistere a situazioni climatiche avverse come pioggia, caldo e freddo (da -10°C ai +55°C). Dotato di numerosi sensori, Parrot Pot misura con precisione e in tempo reale i dati determinanti per il benessere della pianta quali umidità e temperatura del terreno, fertilizzante, temperatura dell’ambiente e intensità della luce. Questi dati di riferimento vengono registrati ogni quindici minuti e trasmessi, ogni due ore, a Parrot Cloud per essere analizzati.

L’analisi permette al vaso di gestire l’annaffiatura della pianta grazie alla propria riserva d’acqua, avvertire l’utente in tempo reale, con alert su smartphone o tablet, in caso siano necessarie azioni immediate, come aggiungere il fertilizzante o spostare la pianta in un luogo più illuminato. Non solo. Quando il vaso non è connesso all’applicazione Flower Power 2.0, è comunque in grado di gestire automaticamente l’annaffiamento grazie all’applicazione di parametri adatti alla maggior parte delle piante. Il Pot è dotato di un serbatoio di 2,2 litri d’acqua e di un sistema d’irrigazione composto da quattro beccucci distinti che permettono un costante innaffiamento. Con Flower Power 2.0, applicazione gratuita disponibile per dispositivi mobile iOS e Android, si sceglie la modalità d’annaffiatura più idonea. Più in generale, l’app consente la visualizzazione e la gestione del ‘giardino connesso’ e l’accesso a numerosi contenuti e consigli di esperti per la manutenzione delle piante.

La pianta da monitorare può essere selezionata da una libreria di 8mila varietà, un database modulabile sviluppato da botanici e scienziati e costantemente aggiornato. Ciascuna pianta possiede la propria carta d’identità contenente fotografie, origine, caratteristiche, consigli pratici. Quando l’applicazione viene avviata, appare la lista di tutte le piante connesse e per ognuna è possibile visualizzare se ‘assistita’ da un Pot o monitorata da un sensore wireless Flower Power. Si possono consultare in tempo reale i dati raccolti da ogni pianta cliccando sull’icona corrispondente a ciascun parametro che apparirà verde (se tutto è a posto), arancione (se serve un controllo) o rosso (se è necessaria un’azione immediata).

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS