UZBEKISTAN: IL GOVERNO BLOCCA LA DEMOLIZIONE DEL MINARETO DI ANDIJAN L'edificio, risalente al XIII secolo, doveva essere sostituito da una fontana. Le proteste di storici e cittadini hanno fatto cambiare idea al premier

419
minareto

L’Uzbekistan ha deciso di stoppare la demolizione dell’antico minareto di Andijan, situato a est del Paese. L’edificio, risalente al XIII secolo, secondo il progetto iniziale doveva essere abbattuto per far spazio a una fontana. Idea che, secondo Asianews.it, aveva sollevato la reazione di blogger, social media, storici e critici d’arte. Il minareto è, infatti, una delle costruzioni più antiche dell’Uzbekistan e, con i suoi 32 metri, è anche la torre più alta di tutta la valle del Fergana.

Le proteste si sono presto trasformate in una petizione indirizzata al primo ministro Shavkat Mirziyoyev, autore del progetto di riqualificazione nazionale che doveva coinvolgere anche il minareto. In loco si è subito recata una commissione speciale che, secondo quanto riferito da Abdusafiy Rahmonov, funzionario del ministero della Cultura, “ha incontrato i residenti e in seguito ha deciso di negare la rimozione del minareto”.

In precedenza un politico locale aveva detto che la torre era destinata alla demolizione per il possibile crollo a causa dei potenti terremoti che colpiscono la regione. Ma secondo gli ambientalisti l’edificio non presentava problemi di stabilità considerato che, nei secoli, ha resistito a diversi eventi sismici.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS