COLONIA, VIOLENZE SULLE DONNE A CAPODANNO: SILURATO IL CAPO DELLA POLIZIA Il funzionario, costretto oggi alle dimissioni, era finito sotto accusa per le aggressioni, i furti e le molestie ai danni di decine di donne la notte di San Silvestro

435

Il capo della polizia di Colonia, Wolfgang Albers, ha lasciato il suo incarico per “ristabilire la fiducia dell’opinione pubblica”. Lo ha detto il ministro dell’Interno della Renania Settentrionale-Vestfalia, Ralf Jaeger, affermando che Albers ha mostrato “grande comprensione” per la situazione. Il funzionario, costretto oggi alle dimissioni, era finito sotto accusa per le aggressioni, i furti e le molestie ai danni di decine di donne la notte di Capodanno. “La mia decisione si è resa necessaria per ristabilire la fiducia del pubblico nelle capacità della polizia di Colonia”, ha spiegato Jaeger, sottolineando che i cittadini “hanno il diritto di sapere cosa è accaduto la notte di Capodanno, chi sono i responsabili e come questi incidenti possano essere impediti in futuro”.

Nel frattempo, la polizia tedesca ha identificato 32 persone – la maggioranza migranti – responsabili delle aggressioni di Colonia la notte di Capodanno. Lo ha reso noto un portavoce del ministero dell’Interno tedesco. La vigilia di Capodanno, decine di donne a Colonia sono state derubate, minacciate e aggredite sessualmente da piccoli gruppi di uomini. Ma incidenti simili si sono verificati anche a Francoforte, Dusseldorf e Berlino. “Fino a ieri sera … la polizia federale aveva identificato 32 persone”, ha detto Tobias Plate in un briefing. Tutti gli uomini identificati, 29 dei quali avevano un permesso di soggiorno in Germania, sono stati accusati di aggressione e furto. Secondo il portavoce, tra i 32 identificati ci sono nove algerini, otto marocchini, cinque iraniani e quattro cittadini siriani.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS