ISRAELE: BLITZ DELLO SHIN BET, ELIMINATO IL KILLER DI TEL AVIV Nashat Milhem è stato rintracciato e ucciso dall'intelligence interna. Venerdì scorso aveva freddato due persone in un bar della capitale

325
Nashat Milhem

Gli agenti dello Shin Bet, l’intelligence interna israeliana, hanno eliminato ad Arara, nella zona di Wadi Ara, Nashat Milhem, il killer che venerdì scorso aveva aperto il fuoco in bar di Tel Aviv uccidendo due persone e ritenuto responsabile anche della morte di un tassista rivenuto poco dopo nella zona. Lo riferisce il quotidiano israeliano “Jerusalem post”. Una volta individuato dagli uomini dello Shin Bet, Milhem avrebbe cercato di raggiungere il suo nascondiglio, quindi avrebbe sparato contro gli agenti con il suo mitra Spectre M4 venendo però ucciso dagli uomini dell’intelligence che hanno risposto al fuoco.

Nell’operazione non risultano feriti. Una settima fa, lo scorso primo gennaio, Milhem ha ucciso due persone dopo aver aperto il fuoco in un bar di Dizengoff a Tel Aviv. Martedì scorso le forze di sicurezza israeliane hanno arrestato il padre di Milhem ed altri cinque membri della sua famiglia. Muhammad Milhem aveva denunciato il figlio poco dopo la diffusione da parte delle autorità del video di sorveglianza in cui si vedeva il giovane aprire il fuoco contro i passanti.

Lo scorso fine settimana le forze di polizia hanno perquisito l’abitazione della famiglia nella città arabo-israeliana di Arara nella zona settentrionale di Wadi Ara. Sabato 2 gennaio, durante la perquisizione, le forze di sicurezza israeliane hanno sequestrato un computer appartenente a Nashat e arrestato due suoi fratelli che secondo le autorità avrebbero assistito all’attacco senza però fermare il congiunto. Il fermo è stato successivamente convalidato solo per uno dei due fratelli con la Corte di Haifa che ha disposto per lui una custodia cautelare di cinque giorni al termine di un’udienza a porte chiuse.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS