MAFIA CAPITALE: DUE ANNI E MEZZO ALL’EX ASSESSORE DANIELE OZZIMO Il gup ha accolto in toto le richieste dei pm. L'esponente del Pd: "Me l'aspettavo, presenteremo appello"

486
ozzimo

Daniele Ozzimo, ex assessore alla Casa del comune di Roma, è stato condannato a due anni e mezzo di reclusione nell’ambito del procedimento su “Mafia Capitale”. La decisione è stata adottata dal gup Alessandra Boffi, che ha accolto in toto le richieste dei pubblici ministeri Paolo Ielo, Luca Tescaroli e Giuseppe Casini per l’accusa di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Pena sostanzialmente analoga (due anni e quattro mesi) per Massimo Caprari, già capogruppo del Centro democratico in Campidoglio.

Ozzimo, secondo l`accusa, avrebbe accettato una tangente di 20 mila euro sotto forma di contributi elettorali nel maggio del 2013 e ottenuto l`assunzione di un`amica al Bioparco (per la difesa un`azione di «umanità» verso una persona in condizioni difficili). In cambio l`ex assessore si sarebbe speso per far lievitare i fondi per i lavori di pulizia delle spiagge e la manutenzione del verde pubblico appaltati alle coop di Salvatore Buzzi nel X municipio, quello di Ostia, sciolto per mafia. La penale responsabilità è stata affermata anche per Gerardo e Tommaso Addeo, che hanno avuto un anno e dieci mesi. “Me l’aspettavo perché si sa come vanno a finire queste cose in questo Paese” ha commentato Ozzimo. “Siamo pronti a presentare appello”.

Il difensore, l`avvocato Luca Cococcia, ha sottolineato che le contestazioni più gravi sono cadute. I due Addeo sono ritenuti vicini a Luca Odevaine, già capo di gabinetto del sindaco Valter Veltroni, poi al vertice della polizia provinciale con Nicola Zingaretti, ed ex membro del tavolo nazionale per i richiedenti asilo. Due anni e due mesi li ha avuti Paolo Solvi. Hanno invece patteggiato gli ex dirigenti della coop La Cascina Francesco Ferrara (due anni e otto mesi), Domenico Cammisa, Salvatore Menolascina e Carmelo Parabita (due anni e mezzo a testa), accusati di aver pagato Odevaine per ottenere la gestione del Cara di Mineo.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS