AL VIA I SALDI IN TUTTE LE REGIONI, LE FAMIGLIE SPENDERANNO IN MEDIA 350€ Le preferenze vanno a capi d'abbigliamento, alle scarpe e agli accessori, sale l'allerta terrorismo

413

Inizia la stagione dei saldi, aperta già dal 2 gennaio in Basilicata, Campania, Sicilia e Valle d’Aosta, e da oggi in tutte le altre regioni italiane. Per Confcommercio il giro d’affari complessivo sarà di circa 5,4 miliardi. Molto più basso, invece, secondo i consumatori, che vedono ancora una stagione di crisi per i consumi. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio ogni famiglia spenderà in media 346 euro per l’acquisto di capi d’abbigliamento, calzature ed accessori (solo il 3% in più rispetto allo scorso anno).

Aumenterà anche la percentuale dei consumatori che acquisteranno prodotti in saldo: quest’anno sono il 55% contro il 51% del gennaio scorso. Secondo il consueto sondaggio realizzato da Confcommercio e Format Research, è in crescita anche la percentuale degli italiani che considera “importante” il periodo dei saldi. Le preferenze vanno ai capi di abbigliamento (94,1), calzature (72,8), accessori (30,7) e biancheria intima (26,4). In leggera diminuzione gli articoli sportivi (17,7) e i prodotti di pelletteria (17,5). Tra i cittadini che attendono i saldi per acquistare qualsiasi tipo di prodotto ci sono soprattutto le donne, i consumatori in età superiore ai 45 anni, residenti nelle grandi aree metropolitane e nelle regioni del Mezzogiorno e le famiglie.

Secondo l’associazione dei commercianti, gli italiani stanno ricominciando a dare maggiore importanza alla qualità dei prodotti rispetto al prezzo.La gente affolla i negozi, e a Roma scatta l’operazione “Shopping sicuro”: così la questura capitolina ha chiamato il piano sicurezza e antiterrorismo in vigore da oggi per l’inizio dei saldi invernali. Non ci sono minacce specifiche, ma polizia e carabinieri intensificheranno la sorveglianza nelle vie degli acquisti e in alcuni centri commerciali molto grandi. In considerazione del massiccio afflusso da fuori Roma, sono stati rafforzati i controlli anche su autostrade e metropolitana.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS