DAGLI USA A ROMA, GABRIELE CIAMPI IN CONCERTO NELLA CAPITALE Dirigerà l’ensemble di 30 elementi della sua CentOrchestra

476

Dopo aver incantato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, e la First Lady Michelle, nell’esclusivo concerto tenutosi lo scorso 8 dicembre alla Casa Bianca di Washington, il compositore e direttore d’orchestra Gabriele Ciampi tornerà in Italia il 6 gennaio all’Auditorium Parco della Musica di Roma, dove dirigerà l’ensemble di 30 elementi della sua CentOrchestra. Il programma del concerto sarà composto da una prima parte cameristica, dalla Suite per chitarra e orchestra saguita, in prima esecuzione assoluta, dalla versione integrale del Concerto per Pianoforte in La maggiore dedicato alla First Lady americana.

“Il ritorno a casa è sempre una grande emozione – racconta il maestro Ciampi – e suonare per 3 anni consecutivi all’Auditorium Parco della Musica di Roma è la gioia più grande per un compositore italiano. Questa volta con la mia orchestra, ottimi musicisti che mi hanno seguito fin dall’inizio, a cui sono legato e a cui devo tanto. Quando ho ricevuto da Musica per Roma la proposta di realizzare questo concerto, si è avverato un altro sogno: poter ripetere l’esperienza americana anche nel mio Paese e nella mia città. Sarà un altro momento di grande gioia da condividere con il pubblico che da tempo mi sostiene”.

L’appuntamento a Roma sarà un’occasione unica per condividere con l’Italia il concerto eseguito eccezionalmente dalla George Washington University Chamber Orchestra, che Ciampi ha diretto davanti alla Famiglia Presidenziale Statunitense e ai loro invitati, in occasione del tradizionale White House Holiday Tour, evento annuale organizzato per un pubblico selezionato. L’invito per il concerto alla Casa Bianca è arrivato direttamente da Michelle, e ha aggiunto un altro riconoscimento alla carriera del maestro: Gabriele Ciampi, infatti, è stato il primo compositore italiano a dirigere la propria musica alla Casa Bianca per il White House Holiday Tour, e il primo compositore italiano classico/contemporaneo con meno di 40 anni ad aver avuto l’onore di esibirsi per questa occasione.

Gabriele Ciampi ha unito gli studi classici ad un più moderno approccio alla musica, tipico della scuola Americana. Ancora oggi compone affidandosi ad un metodo tradizionale, fatto solo di pianoforte, carta e matita. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali la medaglia “Eccellenza Italiana”, conferita dal Senato della Repubblica, la Green-card per Extraordinary Ability, rilasciata dal governo americano, il premio “Instumental Artist of the Year” ai Los Angeles Music Award e il riconoscimento “Primidieci-Under 40 2014” assegnato dalla PrimiDieci Society, in partnership con la Italy-America Chamber of Commerce of New York, a dieci italiani under 40 residenti negli USA che si sono distinti per la qualità dei loro progetti e per la professionalità dimostrata nel loro settore.

Ciampi è riconosciuto come compositore che scrive e dirige la sua musica accompagnato dalla propria orchestra, la CentOrchestra, con cui collabora tra America ed Europa dal 2011. Nel 2012 a Mosca, e nel 2013 all’Auditorium Parco della Musica di Roma, Ciampi ha presentato lo spettacolo “A Christmas Carol”, con musiche da lui scritte e dirette. Nel 2014 ha pubblicato l’album “The Minimalist Evolution”, presentato lo stesso anno in un concerto a Los Angeles, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura, e all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Nel 2015, oltre ad essersi esibito al White House Holiday Tour, il maestro ha diretto l’Orchestra I Pomeriggi Musicali al Teatro Dal Verme di Milano. Quest’anno presenterà un concerto al Quirinale, dedicando la musica da lui composta e diretta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS