PONTE DELLA BEFANA: VACANZE IN ARRIVO PER 2,4 MILIONI DI ITALIANI La meta preferita dei (tanti) fortunati vacanzieri sarà – sempre secondo l’indagine sui prossimi consumi turistici - la casa di parenti o amici nel 35,6% dei casi

389

Quest’anno la befana porterà in dono ponti e vacanze a molti italiani. “Dopo un andamento positivo del movimento turistico a Natale e Capodanno – dichiara in merito il Presidente di Federalberghi Bernabò Bocca – la partenza a strappo del nuovo anno con una Epifania addirittura in crescita del 51% di italiani in vacanza rispetto al 2015, rappresenta un segnale che interpretiamo con forte ottimismo”. Bocca commenta positivamente i risultati di un’indagine previsionale sui consumi turistici degli italiani per l’Epifania, realizzata con il supporto tecnico dell’istituto ACS Marketing Solutions.

“Complessivamente – prosegue Bocca – quasi 2,4 milioni di italiani, rispetto agli 1,56 milioni del 2015, effettueranno una vacanza per il ponte dell’Epifania, scegliendo per il 94% l’Italia quale meta del loro viaggio” rispetto all’84% del 2015. “Del totale dei viaggiatori – aggiunge – 1,2 milioni partiranno esclusivamente per la festività, mentre dei restanti turisti 544 mila hanno iniziato la loro vacanza addirittura a Natale e altri 609 mila sono fuori casa da Capodanno”.

La meta preferita dei (tanti) fortunati vacanzieri sarà – sempre secondo l’indagine sui prossimi consumi turistici – la casa di parenti o amici nel 35,6% dei casi (rispetto al 41% del 2015) e l’albergo col 23,9% (vs 24,4%). La durata media si attesterà sulle 3 notti e la spesa media si aggirerà sui 407 euro (rispetto ai 414 euro del 2015), di cui 393 per chi rimane in Italia e 625 per chi va all’estero, che genereranno un giro d’affari di circa 494 milioni di euro lordi. “All’avvio dell’anno nuovo – conclude Bocca – ribadiamo come Governo e Parlamento debbano decidere immediatamente una strategia condivisa per fare in modo che i segnali di ripresa di uno dei settori maggiormente trainanti dell’economia nazionale possano essere adeguatamente supportati e consolidati”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS