SALDI, AL VIA IL WEEK END DI SPESE FOLLI Iniziano infatti oggi i saldi invernali in quattro - fortunate – regioni: Basilicata, Campania, Sicilia e Valle d'Aosta

443

Dopo le spese natalizie, è nuovamente tempo di compere. Iniziano infatti oggi i saldi invernali in quattro – fortunate – regioni: Basilicata, Campania, Sicilia e Valle d’Aosta. Il resto degli italiani dovrà accontentarsi di aspettare il prossimo 5 gennaio per poter acquistare quel capo di abbigliamento tanto desiderato ma “fuori budget”. Secondo le stime dell’Ufficio studi di Confcommercio, quest’anno ogni famiglia spenderà in media 346 euro, il 3% in più rispetto al 2015: “I saldi sono occasioni importanti per i consumatori a caccia dell’affare – commenta Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio – Per gli operatori commerciali sono fondamentali più per dare continuità a quei piccoli, quasi impercettibili, segnali di ripresa che per le loro casse. Con questo tipo di vendita, aumentano i ricavi, ma diminuiscono i margini. Le nostre stime sulle vendite in saldo prevedono una crescita media del 3%. Servono ora segnali forti e politiche di sostegno e rilancio dei consumi nei negozi che stanno abbandonando le vie dei nostri centri”.

Secondo il sondaggio sui saldi realizzato da Confcommercio e Format Research, è aumentata di ben quattro punti la percentuale dei consumatori che acquisteranno prodotti in occasione dei saldi invernali 2016, passando dal 51% del 2015 al 55% di questo gennaio. Le preferenze andranno come da tradizione ai capi di abbigliamento (94,1%), calzature (72,8%), accessori (30,7%) e biancheria intima (26,4%). In leggera flessione gli articoli sportivi (17,7%) e i prodotti di pelletteria (17,5%). Sono soprattutto le donne ad attendere per acquistare qualsiasi tipo di prodotto, poi consumatori in età superiore ai 45 anni, residenti nelle grandi aree metropolitane e nelle regioni del Mezzogiorno; infine, le famiglie. Sempre secondo lo studio, in aumento anche la percentuale dei consumatori che si sentono tutelati acquistando a saldo, cifra che sale dal 62,1% del 2015 al 65%.

Per quanto riguarda le aziende, la grande maggioranza è contraria alla liberalizzazione dei saldi e delle vendite promozionali: quasi il 73% delle imprese ritiene che le promozioni libere prima dei saldi danneggerebbero le vendite del mese di dicembre. Quasi quattro imprese del commercio al dettaglio su cinque, inoltre, si dichiarano d’accordo con la proposta di posticipare la data di avvio dei saldi invernali alla fine di gennaio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS