USA, MIDWEST SFERZATO DAL MALTEMPO: 20 MORTI In Illinois sono invece stati sgomberati gran parte dei detenuti del penitenziario di Menard, che sorge proprio in riva al grande corso d'acqua

389

Continua ad aggravarsi l’emergenza maltempo negli Stati Uniti dove, dopo i tornado che hanno flagellato il Texas, le piogge torrenziali stanno investendo il Midwest e il sud con straripamenti e inondazioni che da domenica hanno già provocato almeno 20 morti, di cui 13 nel Missouri e altri sette in Illinois, i due Stati più colpiti. Coinvolti tra gli altri anche Oklahoma, Kansas, Arkansas, Tennessee, Alabama e Florida. Il livello delle acque continua a crescere oltre i livelli di guardia in molti fiumi: soprattutto nel Mississippi dove, lungo il tratto che scorre un centinaio di chilometri a sud di Saint Louis, per il giorno di Capodanno è attesa una piena fino a 15,1 metri di altezza, che eguaglierebbe il record storico del 1993.

Una ottantina di chilometri più a nord, alla confluenza con il Missouri, sono stati fatti evacuare gli abitanti della cittadina di Arnold e quelli del villaggio di West Alton. In Illinois sono invece stati sgomberati gran parte dei detenuti del penitenziario di Menard, che sorge proprio in riva al grande corso d’acqua. Nel complesso sono come minimo 46 i centri urbani investiti dalle alluvioni. Chiuse numerose arterie di primaria importanza, tra cui l’inter-statale 44 che attraversa l’intera area a rischio. Il governatore del Missouri, il democratico Jay Dixon, ha intimato agli aumobilisti di evitare di mettersi al volante, e ha chiesto l’intervento della Guardia Nazionale. L’omologo repubblicano dell’Illinois, Bruce Rauner, ha proclamato lo stato di calamità naturale sull’intero territorio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS