MALTEMPO USA: OBAMA FIRMA LA DICHIARAZIONE DI “DISASTRO” PER L’OKLAHOMA In Missouri il governatore Jay Nixon ha mobilitato la Guardia Nazionale che supporterà le autorità e le squadre di soccorso locali

385

Continua l’ondata di maltempo che ha investito gli Stati Uniti, creando enormi disagi e difficoltà alla popolazione. Il presidente Barack Obama ha firmato una dichiarazione di disastro per Oklahoma, dove nei giorni scorsi si sono abbattute forti tormente e inondazioni. In un comunicato la Casa Bianca afferma che la dichirazione dello stato di disastro prevede l’invio di aiuti federali per integrare quelli già inviati dallo Stato, i comuni, riserve indiane e alcune Ong.

Dallo scorso fine settimana, l’ondata di maltempo ha colpito pesantemente il centro e il sud del Paese, lasciando alle spalle decine di morti e migliaia di case distrutte. Lo stato di emergenza è già stato dichiarato in diversi Stati, tra cui Texas, Missouri dove è stata mobilitata la Guardia Nazionale, Oklahoma, New Mexico, Alabama, Mississippi dove un tratto dell’omonimo fiume è stato interdetto alla navigazione, e Georgia. Con questa decisione Obama rende disponibili finanziamenti federali per 18 contee dell’Oklahoma.

Il governatore del Missouri, Jay Nixon, ha mobilitato la Guardia Nazionale per assistere le forze dell’ordine e le squadre di soccorso locali. Gli agenti presteranno il loro servizio nelle zone evacuate, aiutando anche a dirottare il traffico dopo la chiusura delle strade in almeno 500 località nello Stato.

Inoltre la Guardia Costiera ha chiuso il passaggio delle navi lungo un tratto del Mississippi Rivere, vicino a St. Louis. IL capitano Martin Malloy ha spiegato che la decisione è stata presa a causa delle correnti e dell’acqua che continua a salire in seguito alle inondazioni dei giorni scorsi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS