SCUOLA: CRESCE IL NUMERO DI STUDENTI STRANIERI IN ITALIA L'Istat: nel 2015 gli alunni non italiani hanno raggiunto le 803.104 unità. Più 9% rispetto all'ultima rilevazione

511
studenti stranieri

Crescono gli studenti stranieri nelle scuole italiane che nel 2015 toccano le 803.104 unità (+9%). Il trend positivo appare però meno sostenuto rispetto al recente passato: nell’anno scolastico 2013/14 è pari al 2,0% mentre nell’anno scolastico precedente era del 4,1%. Sono le regioni del Nord e del Centro ad accogliere il maggior numero di giovani stranieri: la loro presenza nelle scuole dell’obbligo è pari rispettivamente a 14,5% e 11,9%, mentre nel Sud e Isole si attesta intorno al 3%. Gli studenti iscritti nell’anno scolastico 2013/2014 nei vari corsi scolastici sono 8.920.228, 23.473 in meno rispetto al precedente anno.

Per il secondo anno consecutivo diminuiscono gli iscritti sia alle scuole dell’infanzia (-22.140) sia alle scuole secondarie di primo grado (-18.992) mentre si registra un aumento di iscritti alle scuole secondarie di secondo grado (+15.788) e alle scuole primarie (+1.871). Aumentano anche gli iscritti ai percorsi triennali di istruzione e formazione professionale, gli allievi che li frequentano sono oltre 316 mila (+27.077 rispetto all’anno precedente). La diminuzione degli iscritti nei percorsi scolastici è principalmente dovuta al calo demografico delle nuove generazioni, non sufficientemente compensato dalla crescente presenza nelle nostre scuole di alunni con cittadinanza non italiana (i quali presentano tassi di partecipazione più bassi di quelli dei ragazzi italiani).

Il tasso di scolarità si attesta ormai da qualche anno intorno al cento per cento per la scuola primaria e per la secondaria di primo grado, mentre quello della scuola secondaria di secondo grado è al 93,0%, sostanzialmente invariato rispetto all’anno precedente. Nell’anno scolastico 2013-2014 la percentuale di non ammessi alla classe successiva scende al 10,0% nella scuola secondaria di secondo grado, pur rimanendo molto superiore a quella che si registra nella secondaria di primo grado (-3,3%). Nelle scuole secondarie di secondo grado, la selezione scolastica è più forte nel passaggio dal primo al secondo anno, infatti, la percentuale di alunni respinti è al 16,3%. Gli esami di terza media sono superati dalla quasi totalità degli studenti (99,7%), con voti mediamente più alti rispetto all’anno scolastico precedente: scende al 54,6% il numero di alunni che conseguono il titolo con un voto non superiore al sette e sale al 7,9% (dal 6,5%) la quota di chi supera l’esame con i voti più alti (dieci o dieci e lode).

Il livello di istruzione della popolazione italiana si è costantemente innalzato nel corso del tempo. Nel 2014 oltre tre persone su dieci hanno una qualifica o diploma d’istruzione secondaria superiore (35,6%), mentre sono il 12,7% quelli che hanno conseguito un titolo di studio universitario. Il passaggio dalla scuola secondaria all’università (calcolato come la percentuale di neo-diplomati che si iscrive per la prima volta all’università nello stesso anno in cui ha conseguito il diploma di scuola secondaria di II grado) diminuisce leggermente rispetto all’a.a. 2012/13 (-0,4): sono poco meno della meta’ i diplomati del 2013 che si sono iscritti all’università (49,7%), con i valori più alti per Molise (56,2), Abruzzo (55,2) e Liguria (55,1). Si conferma la maggiore propensione delle ragazze a proseguire gli studi oltre la scuola secondaria: le diplomate che si iscrivono a un corso universitario sono circa 55 su 100 contro appena 44 diplomati. Nell’anno accademico 2013-2014 la popolazione universitaria e’ composta da 1.676.955 studenti, in ulteriore flessione rispetto al precedente (-1,9%). Continuano a calare gli iscritti ai corsi triennali (-2,3%) e a crescere le iscrizioni ai corsi magistrali a ciclo unico (+1,3%). In aumento anche il numero dei laureati di I livello che continuano gli studi nei corsi magistrali biennali (+2,9).

Gli studenti che hanno conseguito un titolo universitario nel 2013 sono 302.231, 4.783 in più rispetto all’anno precedente (+1,6%). Negli ultimi anni le donne rappresentano la maggioranza degli iscritti in tutte le tipologie di corso, in particolare in quelli magistrali a ciclo unico dove sono il 62,4%. Il percorso di studi delle donne si rivela generalmente più brillante; la quota di donne venticinquenni che nell’anno solare 2013 hanno conseguito per la prima volta un titolo universitario è al 39,6% (contro 25,5% degli uomini), mentre la percentuale di donne 25enni che concludono un ciclo lungo di studi conseguendo una laurea magistrale e’ del 23,6% contro il 15,3% degli uomini. Permane nel tempo un vantaggio competitivo associato al titolo di studio del dottorato di ricerca e, più in generale, a un titolo di studio più elevato. Nel 2014, ha un’occupazione la quasi totalità dei dottori di ricerca che hanno conseguito il titolo quattro anni prima, anche indipendentemente dall’area geografica di provenienza. In particolare, ha un’attività lavorativa il 91,5% dei dottori che hanno conseguito il titolo nel 2010, mentre la percentuale sale al 93,3% per quelli che lo hanno ottenuto nel 2008.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS