A MONREALE UNA MARCIA PER LA PACE INTERRELIGIOSA All'evento hanno aderito i rappresentanti della comunità islamica, valdese metodista ed ebraica

471

La diocesi di Monreale (in provincia di Palermo) ha organizzato per il prossimo 2 gennaio una marcia della pace interreligiosa. All’indomani della Giornata mondiale della pace 2016, l’Ufficio per la pastorale sociale e del lavoro, l’Ufficio catechistico e la Consulta per le aggregazioni laicali della diocesi di Monreale hanno voluto offrire alla comunità diocesana un momento di riflessione e preghiera. “Vinci l’indifferenza e conquista la pace” è il titolo dato all’evento che partirà alle 17,30 dalla chiesa di sant’Antonio per snodarsi per le via della cittadina e terminare alle 19,00 presso il duomo locale dove l’arcivescovo di Monreale, mons. Michele Pennisi, presiederà la celebrazione eucaristica.

Alla marcia hanno aderito i rappresentanti della comunità islamica, valdese metodista ed ebraica. Durante la fiaccolata, i diversi responsabili porteranno testimonianze su come la pace sia un valore fondante nelle diverse religioni e culture. L’evento vedrà la collaborazione e il coinvolgimento anche di varie associazioni e aggregazioni laicali: l’Azione Cattolica diocesana, la Federazione diocesana delle Confraternite, le comunità scout nonché i sindacati Cgil, Cisl, Uisl e Mcl.

“Vinci l’indifferenza e conquista la pace” è anche il tema scelto da Papa Francesco per la 49.ma Giornata Mondiale della Pace, che verrà celebrata il primo gennaio 2016. Il tema, annunciato dal Pontefice nell’agosto scorso, è legato a quello dell’edizione 2015, “Non più schiavi ma fratelli”. Per l’occasione, il comunicato del dicastero vaticano ricordava che “un campo in cui la pace si può costruire giorno per giorno vincendo l’indifferenza è quello delle forme di schiavitù presenti oggi nel mondo”. E concludeva: “la pace è possibile lì dove il diritto di ogni essere umano è riconosciuto e rispettato, secondo libertà e secondo giustizia”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS