SCOPERTO UN NUOVO “SUPER” METALLO: ULTRALEGGERO, FORTE E AD IMPATTO AMBIENTALE ZERO E' stato ottenuto grazie alla tecnica che permette di disperdere e stabilizzare le nanoparticelle nei metalli fusi

815

Eccezionalmente forte, ma al tempo stesso ultraleggero: è il nuovo metallo composto da magnesio e nanoparticelle di carburo di silicio, sviluppato dai ricercatori della Scuola di ingegneria dell’Università della California a Los Angeles. Descritto sulla rivista Nature, il supermetallo è stato ottenuto grazie alla tecnica che permette di disperdere e stabilizzare le nanoparticelle nei metalli fusi: “Si era ipotizzato che le nanoparticelle potessero aumentare la forza dei metalli, senza danneggiarne la plasticità, specialmente in quelli leggeri come il magnesio – spiega il coordinatore della ricerca, Xiaochun Li – ma nessun gruppo finora era stato capace di disperdere le nanoparticelle di ceramica presenti nei metalli fusi”.

Il magnesio, con soli due terzi della densità dell’alluminio, è il metallo strutturale più leggero esistente; il carburo di silicio è una ceramica ultradura usata nelle lame da taglio industriali. La soluzione sviluppata dai ricercatori dell’Università della California è stata quella di infondere nel magnesio un gran numero di particelle di carburo di silicio ottenendo così un metallo – costituito al 14% di nanoparticelle di carburo di silicio e all’86% di magnesio – con grande forza, durezza, plasticità e durevolezza, in grado di rimanere stabile anche alle alte temperature. Potrà essere utilizzato per costruire automobili, aerei e veicoli spaziali più leggeri, motori più efficienti, dispositivi elettronici e biomedici. La produzione industriale del nuovo super metallo inoltre, assicurano i ricercatori, non danneggerà l’ambiente.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS