CINA, FRANA A SHENZEN: SI SUICIDA IL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL’URBANISTICA L'uomo, indicato solo come Xu, non era al momento indagato per la catastrofe

442

A poco più di sette giorni dalla gigantesca frana dello scorso 20 dicembre in Cina, il funzionario responsabile della locale zona industriale si è suicidato buttandosi dalla cima di un alto palazzo. A dare la notizia è la polizia di Guanming, dove una discarica di rifiuti industriali è franata su 33 palazzi della zona industriale di Hengtaiyu. Dalle macerie della i soccorsi hanno estratto viva solo una persone, mentre altre 75 risultano disperse.

Il 20 dicembre scorso, nella tarda mattinata, alcuni testimoni hanno riferito di aver visto una massa di terra e fango abbattersi su una zona industriale di Shenzen, città al confine con Hong Kong, seppellendo almeno 33 edifici. Oltre 1.500 soccorritori si sono recati nell’area – di oltre 20.000 metri quadri – che è stata colpita per quella che si è subito trasformata in una corsa contro il tempo per estrarre i superstiti dalle macerie. Nei giorni successivi, lo smottamento di terra causato dalla frana ha rotto una condotta di gas naturale e ha innescato un’esplosione che è stata avvertita fino a quattro chilometri di distanza, secondo quanto riferito dall’agenzia ufficiale cinese Xinhua, che ha anche aggiunto che i detriti si sono sparsi in un’area di più di dieci ettari.

Solo successivamente le autorità hanno accertato che, grazie ad un’inchiesta governativa, il disastro è stato causato dallo stoccaggio improprio di detriti e materiali di riporto provenienti da cantieri edili della zona e accumulati in una cava dove avevano formato una massa alta cento metri. A causare il crollo della “collinetta” è stata la pioggia. Il funzionario responsabile dell’urbanistica dell’area industriale, indicato solo come Xu, non era al momento indagato per la catastrofe. E’ stato invece arrestato la settimana scorsa il vice presidente della Shenzen Yixianglon Investment and Development, la compagnia che gestiva la discarica.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS