EMERGENZA SMOG, GALLETTI: “PRONTI 35 MILIONI. CHI SPECULA SUI MORTI E’ VERGOGNOSO” Il ministro dell'Ambiente risponde alle accuse di Grillo. "Tuteleremo la salute degli italiani. In futuro gli interventi nelle città saranno coordinati"

443
galletti

Per far fronte all’emergenza smog il governo è pronto a stanziare “35 milioni di euro per la mobilità sostenibile”. Parola di Gian Luca Galletti, intervistato dalla “Stampa”. Secondo il ministro dell’Ambiente l’esecutivo è dunque pronto a fare la sua parte ma bisogna smetterla con le speculazioni sui morti. Il riferimento è a Beppe Grillo che ha di recente incolpato palazzo Chigi dei decessi avvenuti a causa dell’inquinamento. “Faremo tutto quello che è necessario per la salute degli italiani” ha detto galletti. “Sulla qualità dell’aria il nuovo collegato ambiente include decine diinterventi finanziati dal mio dicastero coi comuni”.

“Piste ciclabili, acquisti di biciclette, ripristino dell’ecobonus per l’uso migliore dell’energia e altre misure specifiche. Nei giorni scorsi ho messo a disposizione i primi cinque milioni ma sono pronto a stanziare altri fondi, e cioè tutti quelli di cui c’è bisogno perché a un’emergenza si risponde con un’emergenza”. Se Milano blocca il traffico e Roma opta per le targhe alterne, in futuro “gli interventi saranno coordinati. Proprio per seguire una linea comune mercoledì riunisco governatori, sindaci delle grandi città, vertici della protezione civile e agenzie per l’Ambiente. Non voglio imporre misure dall’alto. Nessuno conosce il proprio territorio meglio di un amministratore locale”, ha affermato il ministro dell’Ambiente, precisando di lavorare “in stretto collegamento” con il ministero della Salute. E ha puntualizzato: i due dicasteri, “attraverso campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica”, “si impegnano a spiegare che, oggi più che mai, molto dipende dal grado di responsabilità delle loro scelte”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS