NEW YORK, SECONDO LA POLIZIA IL 2015 È STATO L’ANNO PIÙ SICURO DI SEMPRE Stupri, furti e omicidi sono infatti scesi del 2%

478
polizia

Il 2015 è stato, per la metropoli statunitense di New York, l’anno più “sicuro” della storia moderna. Il tasso di criminalità nella Grande Mela è sceso oltre il minimo storico segnando un nuovo record: il 2% in meno di omicidi, stupri e furti. Lo ha reso noto il capo della polizia newyorkese, William Bratton, specificando come questo sia stato “L’anno più sicuro di New York nella storia moderna almeno per quanto riguarda il crimine”, sottolineando al contempo che si è trattato anche di un “anno di grandi contraddizioni” con ben quattro agenti morti in servizio.

Impressionante invece il dato delle persone uccise dalla polizia in tutto il Paese: le forze dell’ordine hanno causato 965 vittime in 365 giorni, praticamente quasi tre individui ogni 24 ore. Inoltre, circa il 40% delle vittime disarmate di sesso maschile colpite mortalmente erano afroamericane. È il risultato shock di un’indagine condotta dal quotidiano statunitense Washington Post che non mancherà di suscitare polemiche “bipartisan” sia tra quanti appoggiano incondizionatamente il braccio armato della legge, sia tra coloro che protestano contro l’eccessivo uso della violenza da parte delle forze dell’ordine.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS