INGHILTERRA SFERZATA DAL MALTEMPO: CENTINAIA DI EVACUAZIONI Allerta alluvione nel Nord del Paese. Intere contee sono senza elettricità. Esercito in azione

394

Emergenza meteo nel nord del Regno Unito. A causa delle forti piogge che hanno colpito la zona da ieri, centinaia di persone sono state evacuate. Le squadre di emergenza britanniche continuano ad operare in vari punti : la polizia ha reso noto che tre le 300 e le 400 persone saranno sgomberate da zone vicino ai fiumi Ouse e Foss, nella città inglese di York, dove 3.500 proprietà sono a rischio. La pioggia incessante caduta nel nord del Paese negli ultimi giorni ha fatto scattare centinaia di allerta e nelle aree più’ colpite ancora rimangono in vigore numerosi avvertimenti di pericolo “grave” di inondazione, il che vuol dire pericolo di vita.

E la situazione non accenna a migliorare perché l’ufficio meteorologico britannico, il Met Office, prevede ancora piogge nella zona per la giornata odierna, anche se non così intense e prolungate come quelle di sabato.

Di fronte alla gravità di quanto sta accadendo, il premier David Cameron, presiederà oggi una riunione del comitato di governo Cobra -per le situazioni di emergenza- e domani visiterà le zone più colpite. L’amministrazione cittadina a York prevede che il livello del fiume Ouse raggiungerà oltre i 5 metri di altezza, dunque vicino al suo record, di 5,40 metri.

Colpite dalle inondazioni di sabato varie aree della contea di Greater Manchester, come Salford, Bolton, Bury, Rochdale e Wigan, dove la polizia ha ricevuto oltre 300 chiamate in 24 ore. Intanto, oltre 8.100 proprietà nel nord-ovest dell’Inghilterra continuano a rimanere senza elettricità, che non tornerà fino a domani, ha fatto sapere l’azienda erogatrice North West. Anche l’agenzia di protezione ambientale scozzese ha emesso oltre 15 allerta, soprattutto per l’area di Tayside.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY