MARLENE KUNTZ, A GENNAIO NUOVO ALBUM E TOUR La band ha in programma a marzo e aprile numerosi live anche in Italia

528

Uscirà il 29 gennaio “Lunga attesa”, il nuovo disco dei Marlene Kuntz, che subito dopo la sua pubblicazione partiranno in tour da Parigi e, dopo alcune date in Europa, in Italia da marzo ad aprile. La dimensione live è quella che più si addice alla band formata da Cristiano Godano (solista e chitarra), Luca Bergia (batteria, percussioni), Riccardo Tesio (chitarra) e Luca “Lagash” Saporiti che, dalla formazione dei Marlene Kuntz a oggi, sono stati protagonisti di quasi duemila concerti. Queste le date del “Lunga Attesa Tour”: 25 febbraio Parigi (L’alimentation Generale), 27 febbraio Bruxelles (Vk), 28 febbraio Londra (Hoxton Square Bar & Kitchen), 29 febbraio Dublino (Whelan’s), 2 marzo Amsterdam (Sugar Factory).

In Italia incominceranno a suonare il 12 marzo al Rivolta di Marghera (Venezia) per poi passare il 17 a Cosenza (Unical), il 18 al Container di Grottammare (Ap), il 19 a Rimini (Velvet), il 23 a Roma (Quirinetta), il 24 all’Opificio di Terni, il 25 a Verona (Malkovic C/O Pika Club), il 26 a Bergamo (Druso), il 1 aprile a Torino (Hiroshima Mon Amour), il 2 a Perugia (Afterlife), l’8 al Fuori Orario di Gattatico (Re), il 9 a Firenze (Auditorium Flog), il 15 a Samassi (Cagliari – Medio campidano), il 20 a Bologna (Locomotiv), il 21 e il 22 a Brescia (Latteria Molloy) e il 23 aprile a Livorno (The Cage Theatre).

In occasione dell’uscita del nuovo album, il gruppo ha poi lanciato un esperimento che coinvolge i fan in un’iniziativa in collaborazione con quattro testate musicali (Ondarock, Onstage, Rockit e Rockol). Da qui all’uscita del disco sarà possibile, per qualsiasi band o solista, musicare il testo della title-track del nuovo album, creandone una propria versione. Chi lo desidera, potrà prendere il testo presente sul sito ufficiale dei Marlene Kuntz, sulla pagina Facebook e sui siti partner ed inviare la propria registrazione entro e non oltre il 28 gennaio 2016.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS