DETENUTO UCCISO DURANTE IL PRANZO DI NATALE, SI COSTITUISCE IL COGNATO La vittima era in permesso premio per passare le vacanze con la famiglia nel brindisino

401

Un pranzo di Natale finito in tragedia: Giancarlo Zaccaria, un detenuto trentenne in permesso premio di Ceglie Messapica, è morto all’ospedale di Brindisi in seguito ad alcune ferite di arma da fuoco riportate, secondo gli inquirenti, in una lite famigliare durante il pranzo del 25 dicembre in paese. Dopo poche ore si è costituito dai carabinieri il cognato, autore dell’omicidio. Secondo quanto accertato, la vittima, che aveva precedenti penali per spaccio di droga, sarebbe stata raggiunta da proiettili di pistola a una gamba.

A causare il decesso al Perrino di Brindisi, dove Zaccaria era stato trasportato, sembra sia stata un’emorragia. Il pm di turno, Valeria Farina Valaori, ha disposto l’autopsia. Si attende ora il conferimento dell’incarico al medico legale Antonio Carusi. E’ stato arrestato per omicidio preterintenzionale Patrizio Laveneziana, 45 anni, il cognato della vittima. I carabinieri stanno indagando sulle cause del diverbio. La pistola utilizzata, recuperata dagli investigatori, sarebbe risultata legalmente detenuta.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS