SIRIA, UCCISO UNO DEI CAPI DEI RIBELLI DURANTE UN SUMMIT TRA COMANDANTI Zahran Alloush colpito da raid russo. La morte confermata su Twitter dalla Coalizione Nazionale dell'opposizione

369

Zahran Alloush, il comandante di Jaysh al Islam (l’Esercito dell’Islam), uno dei più forti gruppi di ribelli anti-Assad, è stato ucciso in un bombardamento. L’Osservatorio siriano dei diritti umani aveva dato notizia di raid aerei vicino a Damasco, dove si teneva un summit del gruppo. Secondo fonti dei ribelli, sono stati missili russi a colpire l’edificio dove si teneva l’incontro.

La morte di Alloush e’ stata confermata su Twitter dalla Coalizione Nazionale dell’opposizione siriana. Secondo fonti dei ribelli, come detto, sono stati missili russi a colpire il summit che si teneva nella localita’ di Ghouta Est, una fetta si territorio da anni sotto assedio nei pressi di Damasco. La tv statale ha riferito che i corpi del comandante di Jaysh al Islam e dei suoi piu’ stretti vertici militari sono rimasti sotto le macerie dell’edificio in cui si teneva la riunione.

Dopo la strage, lo sceicco Abu Haman Esam Albuidani è il nuovo capo del Jaysh al Islam, una delle principali fazioni di ribelli islamici contro Assad in Siria. Albuidani,originario di Duma, roccaforte ribelle 15 km a nord-est di Damasco succede dunque ad Allush ucciso con 13 persone, tra cui 5 dirigenti del Jaysh al Islam, in un raid di cui non è chiaro ancora il mandante, a Otaya nella regione della Ghuta orientale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY