SOSPETTATI DI AVERE LEGAMI CON AL SHABAAB, ARRESTATI 4 IMMIGRATI A CATANIA Sono inoltre accusati di aver fornito ai connazionali falsi titoli di viaggio per stranieri irregolari

435
casa

Sono quattro i cittadini somali – di età compresa tra i 22 e i 31 anni – che sono stati arrestati dalla polizia di Catania con l’accusa di fornire ai connazionali falsi titoli di viaggio per stranieri irregolari, permettendo loro di raggiungere i Paesi del Nordeuropa, in particolare Scandinavia e Germania.

I 4 sono stati bloccati dagli agenti della Digos in due appartamenti di via Paolo Orsi. Gli investigatori sono al lavoro per capire se dai proventi dell’attività venisse finanziata successivamente l’organizzazione terroristica somala “Al Shabaab”. Per gli arrestati, le accuse sono di fabbricazione e detenzione di documenti falsi validi per l’espatrio, e di aver organizzato e favorito l’ingresso in Italia e in altri Paesi di cittadini stranieri irregolari. Contestualmente è stato denunciato un minorenne, anch’egli somalo, affidato ad una comunità.

Nei due appartamenti in uso agli extracomunitari, i poliziotti hanno trovato 21 somali, tra cui cinque donne. Nei locali sono stati sequestrati 22 falsi titoli di viaggio italiani validi per l’espatrio, 29 adesivi trasparenti usati per applicare le foto sui documenti di riconoscimento, una falsa carta d’identità rilasciata dal Comune di Milano oltre a numerosi documenti di riconoscimento intestati ad altri cittadini somali non presenti al momento del controllo che probabilmente servivano da modello per la contraffazione.
La polizia ha anche sequestrato un passaporto somalo ed uno tedesco, oltre a contanti per un importo complessivo di circa 7.500 euro e 1.200 dollari statunitensi, oltre a un libro mastro in erano annotate le cifre pagate dagli extracomunitari per ottenere i documenti falsi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS