DURO COLPO AL TESORO DEL CLAN MESSINA DENARO, SEQUESTRATI OLTRE 10 MILIONI DI EURO Nello specifico, si tratta di dodici aziende, trentaquattro immobili, ventotto conti correnti e cinque mezzi di trasporto

387

È un vero e proprio tesoretto quello sequestrato stamattina al clan Messina Denaro dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani. Nell’operazione, denominata “Mandamento bis”, i militari hanno sequestrato beni per 10 milioni a due imprenditori ritenuti prestanomi del clan. Nello specifico, si tratta di dodici aziende, trentaquattro immobili, ventotto conti correnti e cinque mezzi di trasporto. I provvedimenti, richiesti dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo, hanno interessato le province di Trapani, Palermo e Reggio Calabria. “Siamo più vicini a Messina Denaro”, hanno commentato gli inquirenti.

Secondo le indagini della procura palermitana e dei carabinieri del Ros, infatti, il padrino di Castelvetrano era il vero proprietario dell’intero patrimonio intestato ad Antonino e Raffaele Spallino, imprenditori attivi nei settori della produzione di energia elettrica, della raccolta di rifiuti, della ristorazione e dell’edilizia. Un tesoro che, però, secondo le indagini, era di totale pertinenza di Messina Denaro, l’ultimo grande latitante di Cosa nostra. Antonino e Raffaele Spallino, infatti, erano finiti indagati per intestazione fittizia dei beni (indagine poi finita in prescrizione), nell’ambito della prima operazione “Mandamento”, che nel 2012 aveva portato all’arresto dei capi di Cosa nostra di Castelvetrano. Oggi la resa dei conti, con un’azione che ha reso un po’ più povero il super boss della malavita siciliana.

Intanto recentemente un pentito ha dichiarato in Tribunale che nel 2013 Messina Denaro si sarebbe trovato nascosto in una abitazione di Campobello di Mazara, poco lontana dalla sua Castelvetrano, e proprio la presenza del latitante avrebbe indotto una banda a far saltare e rinviare una rapina ai danni del distributore Tnt, considerato che il boss si trovava nascosto nelle vicinanze di questa azienda.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS