PASSA LA RIFORMA DELLA RAI: ARRIVA L’AMMINISTRATORE DELEGATO Via libera del Senato al testo presentato dal governo. Cda più snello e presidenza di garanzia tra le novità

397
rai

La Rai cambia volto. Il Senato ha infatti approvato in via definitiva la riforma del servizio pubblico, introducendo, tra le altre cose, la figura di un amministratore delegato, un Consiglio di amministrazione più snello e una presidenza di garanzia. Ma cosa prevede la legge approvata ieri? L’Ad, in base all’art. 2, è nominato dal Cda (che può anche revocarlo) su proposta dell’assemblea dei soci (il ministero dell’Economia), e rimane in carica tre anni. L’Ad nomina i dirigenti, tuttavia per le nomine editoriali deve avere il parere del Cda (nel caso dei direttori di testata, il parere è vincolante se approvato a maggioranza dei due terzi). Il top manager, inoltre, assume, nomina, promuove e stabilisce la collocazione anche dei giornalisti, su proposta dei direttori di testata. Può firmare contratti fino a 10 milioni di euro.

Una norma transitoria attribuisce in via provvisoria al Direttore generale (nelle more della nomina dei nuovi Cda e Dg) i compiti e i poteri spettanti all’Ad. Compiti e poteri che quindi andranno all’attuale dg, Antonio Campo dall’Orto. Spetta all’Ad provvedere anche all’attuazione del piano industriale e del preventivo di spesa annuale e sentito il parere del Consiglio di amministrazione, definire i criteri e le modalità per il reclutamento del personale e quelli per il conferimento di incarichi a collaboratori esterni; proporre all’approvazione del Cda il (nuovo) Piano per la trasparenza e la comunicazione aziendale.

Il presidente della nuova Rai è di garanzia, nominato dal Cda tra i suoi membri, purché abbia il parere favorevole della Commissione di Vigilanza con i due terzi dei voti. Il Cda è composta da sette membri al posto degli attuali nove. Quattro sono eletti da Camera e Senato, due nominati dal Consiglio dei ministri su proposta dell’Economia, e uno designato dall’assemblea dei dipendenti titolari di un rapporto di lavoro subordinato da almeno tre anni, con modalità che garantiscano trasparenza e rappresentatività. Al Cda è affidata l’approvazione del piano industriale e del piano editoriale, del preventivo di spesa annuale, degli investimenti di importo superiore a 10 milioni di euro, degli atti e dei contratti aziendali aventi carattere strategico.

Sul fronte della trasparenza, è prevista la pubblicazione dei compensi dei soggetti, diversi dai titolari di contratto di natura artistica, superiori ai 200mila euro. Ai componenti degli organi di amministrazione e controllo della RAI, ad eccezione dell’amministratore delegato, si applica il “tetto” retributivo di 240 mila euro. Fra i requisiti per la nomina, si inserisce l’onorabilità, prevedendo, inoltre, che la composizione del Cda è definita favorendo, fra l’altro, la presenza di entrambi i sessi e l’assenza di conflitti di interesse. Vengono introdotte, inoltre, alcune cause di incompatibilità, fra le quali il ricoprire, o aver ricoperto nei 12 mesi precedenti la data della nomina, la carica di ministro, vice ministro o sottosegretario di Stato. Non possono essere nominati membri del Cda coloro che: si trovino in stato di interdizione dai pubblici uffici, anche temporanea, ovvero in stato di interdizione legale o temporanea dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese.

L’incompatibilità vale anche per coloro che siano sottoposti a una misura di prevenzione personale o patrimoniale disposta dall’autorità giudiziaria, salvi gli effetti della riabilitazione; siano stati condannati con sentenza definitiva alla reclusione per uno dei delitti in materia di società previsti dal codice civile; siano stati condannati con sentenza definitiva alla reclusione per un delitto contro la pubblica amministrazione, la fede pubblica, il patrimonio, l’ordine pubblico, l’economia pubblica, ovvero per un delitto in materia tributaria; siano stati condannati con sentenza definitiva alla reclusione per un tempo pari almeno a 2 anni per qualunque delitto non colposo.

Il ddl attribusice, inoltre, al governo la delega ad adottare entro un anno un decreto legislativo per la modifica del testo unico dei servizi media: oltre alla semplificazione delle norme vigenti, i criteri direttivi prevedono indicazioni volte a favorire contenuti destinati ai minori, diffusione di trasmissioni in lingua tedesca e ladina (province di Bolzano e Trento), e francese (Val d’Aosta) e sloveno (Friuli). L’art. 2 del testo approvato dalla Camera fa salve le funzioni di indirizzo generale e di vigilanza del servizio pubblico attribuite alla Commissione parlamentare di Vigilanza, alla quale il Consiglio di amministrazione deve riferire ogni 6 mesi sulle attività della concessionaria, consegnando l’elenco degli ospiti partecipanti alle trasmissioni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS