SENZA STIPENDIO DA MESI RICEVE UNA TREDICESIMA BEFFA

527

Oltre al danno la beffa. E’ quel che deve aver pensato un professore di Foggia, in cattedra dal 19 settembre e che, fino ad oggi, non ha mai percepito il suo stipendio. In compenso però ha visto accreditato sul suo conto corrente la tanto agognata tredicesima maturata nel periodo gennaio-giugno 2015. Solo che l’importo è quasi una presa in giro: 1 euro.

Dopo un periodo di lavoro saltuario, quest’anno la docente ha ottenuto un cotratto a tempo pieno come insegnante di sostegno… però non è mai stata pagata per il lavoro svolto. Una “piccola” dimenticanza dello Stato, che a conti fatti è debitore di oltre 5.000 euro (la prof dovrebbe percepire 1.300 euro netti al mese) con l’insegnante.

Questa insegnante che la vora e studia, ha accettato un posto di lavoro dove se ne è presentata l’occasione e dalla provincia di Foggia si è trasferita nel modenese. Ma in queste condizioni rischia di non avere neanche i soldi per la benzina o per i mezzi pubblici necessari per raggiungere il luogo di lavoro. Sfiduciata e scoraggiata, tanto da essere sul punto di rassegnare le sue dimissioni, ha denunciato la sua situazioni ai sindacati. Purtroppo però non è l’unica “vittima” del sistema scolastico italiano.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS