FIFA GATE: STANGATA PER BLATTER E PLATINI, 8 ANNI DI SQUALIFICA Sentenza durissima del Comitato Etico. Il pagamento di 2 milioni all'ex fantasista "non avevano alcuna base legale"

374
platini blatter

Alla fine la stangata è arrivata. Otto anni di squalifica, con effetto immediato, per Joseph Blatter e Michel Platini, col secondo che vede di fatto chiudersi la sua carriera politica nel calcio quando stava per compiere il passo più importante: fino a pochi mesi fa era lui il grande favorito per le elezioni del 26 febbraio che designeranno il nuovo presidente della Fifa. La camera giudicante di quel Comitato Etico che aveva sospeso per 90 giorni i due dirigenti lo scorso ottobre non ha avuto pietà. In ballo quei due milioni di franchi svizzeri che Blatter, nel 2011, fece versare a Platini a saldo di una consulenza svolta dall’ex calciatore francese per la Fifa ma fra il ’98 e il 2002.

Un pagamento finito prima nel mirino della giustizia svizzera, che indaga su Blatter per appropriazione indebita e gestione fraudolenta, e poi in quello della Fifa. Che, come si legge nella nota del Comitato Etico, non crede alla versione fornita dai due interessati. “Blatter, nella sua posizione di presidente della Fifa, ha autorizzato il pagamento a Platini che non aveva alcuna base legale nell’accordo sottoscritto da entrambi il 25 agosto 1999. Ne’ nella sua dichiarazione scritta né durante la sua audizione, Blatter è stato in grado di dimostrare l’esistenza di un’altra base legale per quel pagamento. La sua affermazione a proposito di un accordo orale e’ stata ritenuta non convincente ed è stata respinta”. Per il Comitato etico non ci sono prove sufficienti per ritenere Blatter colpevole di corruzione ma ha sicuramente violato una serie di norme del codice etico, che comprendono l’articolo 20 (“offerta e accettazione di doni e altri benefit”), l’articolo 19 (“conflitto d’interesse”), l’articolo 15 (“lealta’”) e l’articolo 13 (“regole generali di condotta”).

Il 79enne dirigente svizzero, insomma, ha agito senza basi legali, in una situazione di conflitto d’interesse nonostante la quale ha continuato a svolgere il suo ruolo e senza rivelare l’esistenza di tale situazione e di interessi personali legati alle sue potenziali attività. Non solo: per il Comitato Etico non ha dato priorità agli interessi della Fifa né “si è astenuto dal fare qualcosa che potesse essere contrario agli interessi della Fifa. Blatter ha violato il suo dovere fiduciario nei confronti della Fifa” oltre a non mostrare alcun impegno a osservare un comportamento etico, anzi, ha dimostrato semmai di abusare della sua posizione. Da qui la squalifica di otto anni e una multa di 50 mila franchi svizzeri. Stessi ragionamenti e stessi articoli del codice etico violati per Platini, che a differenza di Blatter pero’ ha disertato l’audizione ritenendo che il procedimento a suo carico fosse un “processo politico” volto a impedirgli di candidarsi per la presidenza della Fifa.

Per il Comitato Etico il 60enne ex calciatore francese è stato pagato senza che ci fossero basi legali nell’accordo firmato con Blatter e anche nel suo caso l’affermazione che ci fosse un’intesa orale è stata ritenuta non convincente. Platini, dunque, non e’ stato ritenuto colpevole di corruzione ma di conflitto d’interesse e slealtà, violando le generali norme di condotta. Per la camera giudicante l’ex giocatore “non ha agito con credibilità e integrità, mostrando di non conoscere l’importanza dei suo doveri e delle relative responsabilità”. E oltre agli otto anni di squalifica dovrà pagare una multa da 80 mila franchi svizzeri.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS