ROBERTO BOLLE APRE LA STAGIONE DI BALLETTO ALLA SCALA DI MILANO CON LA “CENERENTOLA” Insieme all'etoil italiano anche Polina Semionova nel nuovo allestimento della fiaba di Perrault firmato Mauro Bigonzetti

445

Polina Semionova e Roberto Bolle apriranno sabato la stagione di Balletto al Teatro alla Scala di Milano con “Cinderella”, nuova creazione tratta dalla “Cenerentola” di Prokof’ev, firmata da Mauro Bigonzetti. Dodici le replice (sino al 15 gennaio) accanto all’anteprima, dedicata ai giovani: posti esauriti in brevissimo tempo. Poi la recita del 31 dicembre che vedrà la partecipazione straordinaria di Federico Bonelli, principal del Royal Ballet, nonché guest star nell’ambito della serata “Capodanno alla Scala”.

L’ultima volta della fiaba di Perrault al teatro milanese risale al 2006. La ricchezza melodica e descrittiva della musica di Prokof’ev, la trama articolata, hanno stimolato l’estetica e la musicalità di Mauro Bigonzetti e la sua personale visione stilistica per una creazione “cucita addosso ai ballerini scaligeri”, che segue la vicenda del racconto. Cenerentola, il principe, la fata madrina, le sorellastre, la matrigna diventano personaggi senza luogo e senza tempo. Maurizio Millenotti firma i costumi, Carlo Cerri le luci, il disegno scenografico e il design video assieme a Alessandro Grisendi e Marco Noviello.

Sul podio, a conferma dell’attenzione e della cura per la direzione d’orchestra anche sui titoli di balletto, Michail Jurowski. Con questo allestimento si confermano le linee guida e strategiche della stagione ballettistica della Scala: etoiles, ospiti internazionali, coreografi di fama mondiale, bacchette rinomate, partiture importanti e nuovi allestimenti per rinnovare il repertorio scaligero e arricchirlo nel rispetto della storia del balletto e della crescita della compagnia, con lavori creati su misura.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS