STAR WARS, E’ IMPOSSIBILE COSTRUIRE LA MORTE NERA E LE SPADE LASER Dagli Usa un video di chimici che smontano il mito delle armi della saga

333

La saga di Star Wars si arricchisce di un nuovo capitolo, e mentre migliaia di italiani si riversano nei cinema per assistere al colossal fantascientifico, gli studiosi, così come molti dei fan di Luke Skywalker, si pongono una domanda: spade laser o armi di distruzioni di massa come quella della Morte Nera, è davvero possibile costruirle? La risposte arriva dalla Società Americana di Chimica, che ha pubblicato un video su YouTube.

Probabilmente, il simbolo di Star Wars è la spada laser, protagonista di alcuni dei più entusiasmanti duelli della saga, ma riuscire davvero a crearle rimane solamente un sogno. Nel film, le spade laser sono fatte di plasma, uno stato della materia dove le particelle di un gas si “scompongono” formando una nube di ioni. Nulla di fantascientifico quindi, ma usare il plasma per forgiare lame capaci di tagliare braccia come fossero burro è qualcosa di impossibile. Almeno per il momento.

Altra tecnologia impossibile sembrano essere gli scudi delle astronavi. Anche in questo caso, la chiave potrebbe essere il plasma, ma solo se davvero trovassimo una soluzione per “modellarlo”. Tuttavia, i più delusi saranno i fan dei malvagi: la Morte Nera, la stazione spaziale grande quanto la Luna, sarebbe un flop! Il potentissimo raggio laser generato dalla navetta sarebbe infatti assolutamente impossibile da creare. Secondo i chimici statunitensi, alcuni problemi tecnici potrebbero anche essere superabili, come la dissipazione del calore necessaria a non far sciogliere l’astronave, oppure la creazione di un raggio laser un milione di miliardi di volte più potente di quello più grande mai costruito finora.

A violare ogni legge della fisica è però l’unione degli 8 fasci di luce che poi convergono in un unico fascio distruttore. Gli 8 raggi proseguirebbero il loro percorso senza unirsi. Se davvero fosse costruita sarebbe un costosissimo apparecchio inutile, incapace di colpire il suo bersaglio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS