DA KOMANDANTE A PROFESSORE: VASCO ENTRA NELLA TRECCANI Il cantautore emiliano lo ha annunciato su Twitter. L'enciclopedia lo definisce un artista simbolo della nostra canzone

461

“Vasco Rossi nella Enciclopedia Treccani”. Con questo post su Twitter in cantautore di Zocca ha annunciato ai suoi tanti fans il suo ingresso nell’enciclopedia più rinomata d’Italia. Sempre su twitter e social vari, il cantautore ha anche pubblicato la foto della colonnina a lui dedicata, scritta da Stefano Oliva, all’interno della nuova edizione dell’enciclopedia, nella quale figura anche una foto scattata nel giugno del 2015 durante un concerto del “Live Kom ‘015” a Torino. Il testo, nella prima frase, presenta il cantante come “Tra i più rappresentativi artisti della musica italiana, ha saputo creare un originale modello di rock influenzato anche dalla canzone d’autore, entrando nell’immaginario collettivo del nostro Paese”.

Ma la svolta culturale del “Blasco” non si è limitata a questo. Solamente qualche settimana fa, Vasco Rossi aveva preso parte alla campagna istituzionale intitolata “Le parole valgono”. Si tratta di una campagna istituzionale pensata dalla Treccani per ridare alle parole che si usano quotidianamente il giusto peso, recuperandone lo spessore e la precisione. Nel mini sito dedicato, è stato chiesto a dei testimonial famosi, di grande impatto mediatico, di scegliere la loro “parola che vale”, quella che in qualche modo gli ha cambiato la vita. “C’è una parola che mi ha cambiato la vita, ed è ‘spericolata’ – aveva scritto il rocker – Che, curiosamente, sul dizionario ha diversi sinonimi: da Temerario a Incosciente, Audace, Scavezzacollo, Folle, Eroe, Prode, Spavaldo, Imprudente…ecc. In un solo aggettivo, esattamente tutto quello che volevo esprimere nella canzone! ‘Spericolata’, come avrei voluto (e così è stata) la mia vita”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS