CONFLITTO IN SUD SUDAN, MSF: “NECESSARIO AUMENTO DEGLI AIUTI UMANITARI INTERNAZIONALI” Nonostante l'emergenza, nelle zone più martoriate è stato impossibile mantenere una presenza costante e adeguata delle agenzie umanitarie a causa dell’insicurezza costante

438

A dicembre di due anni fa iniziava il conflitto in Sud Sudan. In occasione di questo triste anniversario, Medici senza frontiere (Msf) chiede a tutte le parti in causa “il rispetto della popolazione civile e un aumento urgente della risposta umanitaria internazionale”. Nello Stato di Unity – il più colpito del Paese – la popolazione civile è presa ripetutamente di mira e sottoposta a continue violenze, denuncia Msf, tra cui stupri, rapimenti, estorsioni, saccheggi ed esecuzioni. I bisogni umanitari più urgenti sono l’assistenza alimentare e il supporto nutrizionale.

Nel mese di novembre, le cliniche mobili di Msf nelle Contee di Leer e Mayendit hanno riscontrato alti livelli di malnutrizione. “A Thonyor, Msf ha esaminato 322 bambini di cui il 4,9% sono risultati gravemente malnutriti. La situazione è particolarmente preoccupante a Kak, dove il 5,6% dei 515 bambini sottoposti a screening sono gravemente malnutriti”, spiega Federica Nogarotto, direttore supporto alle operazioni di Msf Italia. “Questi bambini hanno urgente bisogno di cure mediche e nutrizionali costanti. Senza assistenza alimentare, loro e molti altri probabilmente non sopravvivranno”.

Ad oggi, sono nello Stato di Unity, ci sono oltre 600 mila sfollati. Nonostante l’emergenza, nelle zone più martoriate è stato impossibile mantenere una presenza costante e adeguata delle agenzie umanitarie a causa dell’insicurezza costante che ha costretto Msf e altre agenzie a evacuare più volte dalla Contea di Leer nel corso dell’anno. Nemmeno il personale e le strutture di Msf sono stati risparmiati dagli attacchi: sono cinque i membri dello staff uccisi quest’anno. “La popolazione ha urgente bisogno di essere protetta, perché soffre immensamente a causa dei combattimenti di cui è vittima. Allo stesso modo chiediamo il rispetto delle strutture mediche e del personale sanitario”, conclude Federica Nogarotto. Il Sud Sudan rappresenta oggi la più grande missione di Msf, con più di 2.900 persone di staff nazionale e più di 300 operatori internazionali.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS