ARRIVA LAZARUS, IL NUOVO SINGOLO DI DAVID BOWIE Si tratta del secondo estratto del nuovo disco “Black Star”, il 28esimo di una cinquantennale carriera solistica

344

L’instancabile rock star britannica David Bowie torna alla ribalta. Il prossimo 18 dicembre uscirà il singolo, intitolato Lazarus, ripreso dal musical omonimo scritto a quattro mani da Bowie e Enda Walsh, diretto da Ivo Van Hove, che ha debuttato il 7 dicembre scorso a New York. Si tratta del secondo estratto del nuovo disco “Black Star”, il 28esimo di una cinquantennale carriera solistica, atteso per l’8 gennaio 2016 data del 69esimo compleanno dell’artista. Attivo dalla metà degli anni sessanta, Bowie ha attraversato cinque decenni di musica rock, reinventando nel tempo il suo stile e la sua immagine e creando alter ego come Ziggy Stardust, Halloween Jack, Nathan Adler e The Thin White Duke, noto in Italia con il soprannome di Duca Bianco.

I primi passi di Black Star sono datati metà 2014, quando Bowie incontrò il produttore Tony Visconti e il batterista Zack Alford per produrre alcune demo al Magic Shop, un centro discografico neworkese. Dopodiché Bowie sparì per cinque mesi per lavorare al nuovo materiale da casa sua. «Ha un piccolo studio lì», racconta Visconti. «E non ci fu alcuna comunicazione da parte sua fino a dicembre. Quando mi chiamò, mi disse che era pronto a fare l’album».

Bowie pubblicò il primo album dopo quasi un decenni di silenzio solo due anni fa. Si trattò di un “quasi tradizionale” (per gli standard di Bowie) album rock intitolato The Next Day, prodotto con Visconti e i membri della sua vecchia band. Per questa nuova fatica, Bowie è deciso a fare qualcosa di diverso. «Ascoltavamo parecchio Kendrick Lamar», prosegue Visconti. «Il risultato non c’entra niente con il suo lavoro, ma ci è piaciuto molto il fatto che Kendrick sia stato così aperto mentalmente e che non abbia fatto un vero album hip-hop. Ha messo dentro qualsiasi cosa, ed è esattamente quello che volevamo fare. L’obiettivo – conclude il manager – era di evitare in ogni modo il rock & roll». Tipico di quella super star che è il Duca Bianco, padre e padrone del rock contemporaneo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS