LIBIA, SCONTRI A TAJURA: 13 MORTI E 250 DETENUTI EVASI A causa della rivolta locale, causata dall'uccisione di un ladro di auto, sette persone sono rimaste ferite

449
  • Español

Sono almeno 250 i detenuti che sono riusciti a fuggire da un carcere di Tajura, ad est di Tripoli, in seguito agli scontri che si sono verificati nella città. I tafferugli hanno avuto inizio quando un uomo, che stava cercando di rubare un auto vicino all’istituto penitenziario, è stato ucciso da alcuni agenti in servizio.

La morte del ladro ha innescato una rivota nella cittadina di Tajura, che è sfociata in un assalto alla prigione locale. Gli scontri si sono conclusi con la morte di 13 persone. Durante la confusione generale, la famiglia dell’uomo ucciso dagli agenti, ha assaltato il carcere e dato fuoco al vicino tribunale. Grazie al caos generato dagli scontri i 250 detenuti sono riusciti a fuggire dalle loro celle, mentre altri 127 carcerati sono stati trasferiti in altre strutture prima che potesse darsi alla fuga. Tra le tredici vittime delle violenze figurano anche il capo della sicurezza di Tajura e il suo vice, mentre altre sette persone sono rimaste  ferite.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS