ALL’ERMITAGE DI SAN PIETROBURGO IL “NOLI MI TANGERE” DI FEDERICO BAROCCI L'opera ha temporaneamente le Gallerie degli Uffizi in occasione della Tavola Rotonda con il Ministro della Cultura italiana Dario Franceschini e il Ministro della Cultura della Federazione Russa Vladimir Medinsky

497

E’ stata inaugurata nella Sala Apollo dell’Ermitage di San Pietroburgo l’esposizione il “Noli me tangere” di Federico Barocci, opera del Seicento italiano, in prestito dalla Gallerie degli Uffizi, in occasione della Tavola Rotonda con il Ministro della Cultura italiana Dario Franceschini e il Ministro della Cultura della Federazione Russa Vladimir Medinsky. L’incontro avviene nella cornice del “The day of Italy” dedicato alle stringenti relazioni e ai legami tra Italia e Russia nell’ambito del programma ufficiale del IV Forum Internazionale della Cultura, quest’anno ospitato nella città russa dal 14 al 16 dicembre 2015.

La tavola rotonda esplora i rapporti tra la Cultura e l’economia, in particolar modo tra il sistema italiano e russo. Un legame rafforzato e sviluppato in questi anni grazie alla presenza e all’attività di “Ermitage Italia”, il centro di studi e ricerche nato nel 2007 sotto l’egida dei due governi e ora con sede a Venezia, artefice di tante collaborazioni tra Italia e Russia e, in particolare, tra l’Ermitage, le città italiane e le loro diverse Istituzioni museali.

All’incontro presenti anche il Sottosegretario dell’Economia e delle Finanze Pier Paolo Baretta, il Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e il Segretario Generale di “Ermitage Italia” Maurizio Cecconi; per la parte russa, il Direttore Generale del Museo Statale Ermitage Michail Piotrovsky, il Rappresentante Speciale del Presidente della Federazione Russa per la Cooperazione Culturale Internazionale Michail Shvydkoy e il Rettore dell’Universita’ Statale di Economia di San Pietroburgo Igor Maksimtsev.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS